Cenni sulla biografia e vita artistica del Carracci

Pagine correlate al pittore: Le opere di Annibale Carracci – Elenco delle opere – Il periodo artistico – La critica – Il cugino Ludovico Carracci.

Lo stile dell’artista

Assunzione della Vergine, cm. 260 x 177 Pinacoteca Nazionale di Bologna.
Assunzione della Vergine, cm. 260 x 177 Pinacoteca Nazionale di Bologna.

La pittura di Annibale Carracci è morbida nella modulazione delle gamme cromatiche, aggraziata ed elegante nelle figure e risente fortemente degli influssi del Correggio. Questi ultimi, però, si indeboliscono nel tempo dando spazio ai luminosi effetti di contrasto di Tiziano e alla gravità e compostezza delle composizioni figurative del Veronese (Assunzione della Vergine custodita nella Pinacoteca di Bologna).

Breve biografia e vita artistica

Autoritratto e altre figure, cm. 60 x 48 Pinacoteca di Brera Milano
Autoritratto e altre figure, cm. 60 x 48 Pinacoteca di Brera Milano

Annibale Carracci nasce il 3 novembre 1560 a Bologna. Istituisce nel 1582, insieme a Ludovico ed Agostino Carracci (rispettivamente il cugino ed il fratello), l’Accademia dei Desiderosi che cambierà nome nel 1590 per chiamarsi Accademia degli Incamminati. Questa istituzione rimane per molto tempo il punto di riferimento classico dell’arte seicentesca.

Nelle opere di Annibale Carracci si percepisce quella reazione che è quasi un rifiuto al manierismo, in una nuova ricerca senza rincorrere gli effetti spettacolari che superano la natura. Le sue ricerche lo portano invece verso una riconquista dei valori della pittura classica attraverso lo studio dei grandi artisti che lo hanno preceduto, come Michelangelo, Raffaello, Correggio e Tiziano.

Annibale Carracci: Decorazione della Galleria Farnese - Polifemo e Galatea
Annibale Carracci: Decorazione della Galleria Farnese – Polifemo e Galatea

Le sue prime opere firmate e datate dal 1583 al 1586 appartengono al periodo dei soggiorni toscani e veneziani e, qualche anno più tardi, la sua produzione sarà considerata tra le più pregiate fra quelle dei grandi artisti attivi nell’Italia settentrionale.

La sua fama arriva fino a Roma e l’artista viene quindi incaricato dal Cardinale Odoardo Farnese per affrescare le sale del camerino a Palazzo Farnese. Il ciclo decorativo raffigura storie mitologiche in una serie di opere autonome dove spiccano Polifemo e Galatea, Giove e Giunone, il trionfo di Bacco e Arianna.

Annibale Carracci: Decorazione della Galleria Farnese
Annibale Carracci: Decorazione della Galleria Farnese – Polifemo e Aci

Nel 1597, in seguito al successo degli affreschi al camerino di Palazzo Farnese, Odoardo gli assegna la decorazione della volta del salone principale, ampia circa diciotto metri quadrati.

Qui raffigura le storie mitologiche prese dalle Metamorfosi di Ovidio e le Virtù protette da Perseo.

Nel 1602 e nel 1604 lavora alle lunette della cappella del Palazzo Aldobrandini realizzando le “Storie della Vergine”. Morirà a Roma nel 1609.

Bibliografia

“L’opera completa di Annibale Carracci” (pref. di Patrick J. Cooney), Malafarina Gianfranco, Rizzoli Editore, Milano, 1976.

“Il vero modo. Die Malereireform der Carracci”, Henry Keazor, Gebrueder Mann Verlag, 2007.

Bibliografia relativa ai fratelli Carracci e, in particolare, ad Annibale Carracci




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *