Giovanni Bartolena

Pagine correlate: Pittori macchiaioli – Pittura macchiaiola – Il Realismo italiano

(Livorno, 24 giugno 1866 – Livorno, 16 febbraio 1942)

Giovanni Bartolena (nipote di Cesare Bartolena) nasce nel 1866 e può considerarsi, insieme ad Oscar Ghiglia, Plinio Nomellini e Renato Natali (figlio di Cesare, anch’esso macchiaiolo, di puro stampo fattoriano), il rappresentante della continuità del movimento macchiaiolo nell’ambito labronico. Il suo primo successo avviene nel 1890 alla “Promotrice di Torino”. Dopo questo evento però, Giovanni stenta a decollare, nonostante la grande cerchia di clienti affezionati che gli ordina in continuazione nature morte e paesaggi. Le sue opere, sia nelle tematiche paesaggistiche (Campolecciano vicino Livorno) che nelle nature morte, sono luminose, ariose e misurate nei valori cromatici.

Bibliografia:

“I Postmacchiaioli” a cura di R. Monti e G. Matteucci, Roma 1994.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *