Bibliografia relativa a Cimabue (Cenni di Pepo)

Il genio, quando è tale, non ha bisogno di inventare, ma sta alla vita e al contributo valido del passato, che gli è dentro da sé, per ragione morale: non si può dubitare perciò che Cimabue, nell’intelligenza della tumultuosa capacità di vero confessata da questi grandi spiriti, si risolvesse a recuperarne il sentimento e prendesse a muoversi con spregiudicata libertà lungo la china dei secoli (da F.. Bologna nella Pittura italiana delle origini, 1962)

Bibliografia:

  • “Cimabue”, Eugenio Battisti, Istituto Editoriale Italiano, Milano, 1963.

  • “Cimabue e i precursori di Giotto. Affreschi, mosaici e tavole”, Miklós Boskovits, Scala Istituto Fotografico Editoriale, Firenze, 1976.

  • “Cenni di Pepe (Pepo), detto Cimabue” (s.v.), Miklós Boskovits, in Dizionario biografico degli italiani, XXIII, 1979, da pagina 537 a pagina 544.

  • “Cimabue”, Luciano Bellosi, Motta,  Milano, 1998.

  • Catalogo della mostra inaugurata a Pisa (2005): “Cimabue a Pisa. La pittura pisana del Duecento da Giunta a Giotto”, a cura di A. Caleca e M. Burresi, Ospedaletto, Pacini Editore, 2005.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *