Opere di Edvard Munch

Opere di Edvard Munch

Pagine correlate: Cenni biografici sull’artista – Art Nouveau – Modernismo.

Alcuni dipinti di Munch

Edvard Munch: L’urlo (Il grido), 1893, tecnica a olio, tempera e pastello su cartone, 83,5 cm × 66 cm, Galleria Nazionale, Oslo.
Edvard Munch: L’urlo (Il grido), 1893, tecnica a olio, tempera e pastello su cartone, 83,5 cm × 66 cm, Galleria Nazionale, Oslo.

L’urlo (Il grido), 1893, tecnica a olio, tempera e pastello su cartone, 83,5 cm × 66 cm, Galleria Nazionale, Oslo.

Esistono quattro versioni dell’Urlo di Munch. Il dipinto raffigurato a sinistra è quello eseguito nel 1883 e fu oggetto di due furti consumati a dieci anni di distanza l’uno dall’altro, cioè il 12 febbraio del 1994 (recuperato a maggio dello stesso anno) ed il 22 agosto del 2004 (ritrovato il 31 agosto 2006).

Nonostante il danneggiamento subito a causa della forte dall’umidità del covo in cui era nascosto, gli esperti del museo di Munch ne dichiararono possibile il restauro, che fu portato a compimento il 23 maggio 2008.

Edvard Munch: L'urlo, datato 1895
Edvard Munch: L’urlo, datato 1895

L’urlo (Il grido), 1885: una delle quattro versioni esistenti, anch’essa realizzata con l’impiego del pastello. Fra le quattro opere, quella raffigurata a sinistra, è l’unica ancora appartenente a collezioni private.

Curiosità:  il dipinto in esame, il 2 maggio 2012, fu battuto all’asta di Sotheby’s (New York) alla straordinaria cifra, mai raggiunta per un dipinto, di 91.033.826 €.

Madonna

Madonna, 1894.

Occhi negli occhi

Occhi negli occhi, 1894.

Morte in infermeria

Morte in infermeria, 1895.

Pubertà

Pubertà, 1895.

Il bacio

Il bacio, 1897.

Morte della mamma

Morte della mamma, 1899.

Autoritratto all'inferno

Autoritratto all’inferno, 1903.

Uomo passeggia di notte

Uomo passeggia di notte.

Disperazione

Disperazione.

Ragazza in lacrime

Ragazza in lacrime, 1906-1907.

Autoritratto tra letto e orologio

Autoritratto tra letto e orologio, 1940-43.

Adamo ed Eva

Adamo ed Eva, 1913.

Nudo

Nudo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *