Opere di Edouard Manet

Alcuni tra i capolavori più conosciuti di Manet

I quadri di Édouard Manet 

6 Natura morta
Natura morta – frutta su un tavolo, 1864 tela cm. 45 x 73,5 Museo d’Orsay Parigi
13 giove e antiope
Giove e Antiope, 1856-57 olio su tela 47 x 65 collezione privata Parigi
18 il balletto spagnolo
Il balletto spagnolo, 1862 olio su tela 61 x 91 Washington the Phillips Collection
20 il vecchio musicista
Il vecchio musicista, 1862 olio su tela 186 x 247 Washington, National Gallery of Art Chester Dale Collection
21 chitarra e cappello
Chitarra e cappello, 1862 olio su tela 77 x 121 Musée Calvet Avignone
23 torero morto
Torero morto, 1864 olio su tela cm. 75 x 155 Washington Nationa Gallery of Art, Josef Widener Collection
24 olympia
Olympia, 1863 olio su tela cm. 130 x 190 Museo d’Orsay, Parigi
25 la negra
La negra, studio per Olympia, 1863 olio su tela 61 x 50 collezione privata
29 Peonie
Peonie, 1864 olio su tela cm. 93 x 70,5 Parigi Museo d’Orsay
30 uva e fichi
Uva e fichi, 1864 olio su tela cm. 21 x 26
31 la posada
La Posada, 1865-66 Acquerello cm. 24 x 41 collezione privata New York
32 il piffero
Il piffero, 1866 olio su tela cm. 160 x 98 collezione privata in U.S.A.
33 cane king
“Cane Maltese” o “Cane King”, 1866, 47 x 37 cm. Collezione Msr. Mellon Bruce, New York.
38 il balcone
Il balcone, 1868-69 olio su tela cm. 169 x 125 Museo d’Orsay Parigi
39 emile
Emile Zola, 1867-68 olio su tela cm. 190 x 110 Museo d’Orsay Parigi
41 il levriere
Il levriere, 1871 olio su tela cm. 19,5 x 24,5 collezione privata
43 guillaudin
Il pittore Guillaudin a cavallo, 1870 olio su tela cm. 88 x 116 collezione privata negli U.S.A.
44 berthe morisot
Berthe Morisot col mazzolino di violette, 1872 olio su tela cm. 55 x 38 collezione privata Parigi
49 il battello nero
Il battello nero a Berk, 1873 olio su cartone cm. 20,3 x 33,2 collezione privata
51 in barca
In barca, 1874 olio su tela cm. 96 x 130 Metropolitan Museum of Art (lascito di Mrs H.O. Havemeyer 1929
53 mallarmè
Ritratto di Stéphane Mallarmé, 1876 olio su tela cm. 25 x 34 Museo d’Orsay Parigi
54 la bruna
La bruna col seno nudo, 1872 olio su tela cm. 60 x 49 collezione privata Parigi
54 nana
Nana, 1877 cm. 150 x 116 Amburgo Kunsthalle
55 bionda
Bionda col seno nudo, 1875 olio su tela 62 x 51 Museo d’Orsay Parigi
56 rue mosnier
Rue Mosnier imbandierata, 1878 olio su tela cm. 65 x 81 (dalla collezione di Mrs. e Mr. Paul Mellon
57 panoramica
Studio “panoramica dalla place Clichy, 1878 cm. 65 x 81
58 al caffè
Al caffè, 1878 olio su tela cm. 77 x 83 Winterthur collezione Oscar Reinhart
61 la cameriera
La cameriera della birreria, 1878-79, olio su tela, cm. 77,5 x 65 Museo d’Orsay Parigi
62 isabelle
Isabelle Lemonnier seduta, 1879-79 (schizzo) cm. 33 x 41 collez. priv. St. Davis (Pa)
63 isabelle
Isabelle Lemonnier, 1880 acquerello cm.20,1 x12,4, Museo d’Orsay Parigi
65 la madre
La madre di Manet nel giardino di Bellevue, 1880 cm.82 x 65 collezione privata Parigi
65 cestino di fiori
Cestino di fiori, 1880, schizzo su tela cm. 65 x 82
66 l'evasione
L’evasione di Rochefort, olio su tela cm. 80 x 73 collezione privata Cannes
67 la modella del bar
La modella del “Bar alle Folies-Bergère” (particolare), 1881, cm. 54 x 34 Musée des Beaux-Arts
68 Un bar alle Folies-Bergère
Un Bar alle Folies-Bergère, olio su tela 96 x 130, Courtauld Institute Galleries Londra
68 studio
Studio per “Un bar alle Folies-Bergère”, 1881 olio su tela cm. 47 x 56, custodito ad Amsterdam Stedelijk Museum da collezione privata
69 autunno
Autunno”Méry Laurent”, 1881-82, olio su tela cm. 73 x 51 Nancy Musée des Beaux-Arts
70 Primavera

Primavera di Jeanne de Marsy”, 1881 olio su tela cm. 73 x 51New York collezione Harry Payne Bingham

È assai difficile trovare nell’arco dei secoli un artista che, al pari di un solo pittore di quel ristretto gruppo di Impressionisti, sia la figura altrettanto genuina,  immediata, spontanea e piena di risorse essenziali proprie della società dalla quale egli si esprime. Prendiamo ad esempio Manet, artista colto e raffinato, persona di mondo con principi umanitari e liberali, erede della borghesia francese sulla vetta del benessere e dello splendore rivista nei suoi livelli più intellettualmente aperti sul mondo. Un pittore intimamente e sottilmente radicato nella società che normalmente frequenta, capace di esprimere efficacemente l’attualità viva e palpitante e di assorbire, allo stesso tempo in una vastità ed in uno sfondo senza pari, l’essenza della cultura. In modo esemplare egli interpreta la concezione di vita che è praticamente il fondamento della visione impressionistica, quella di una società che si avvantaggia delle numerose e grandi scoperte della tecnica, mai viste in passato, e soprattutto della propria creatività nello sviluppo industriale e nel progresso. Quest’ultimo inteso non soltanto come qualcosa di conquista materiale ma come realizzazione di ideali che sono stati gli importanti traguardi dell’Ottocento. Una concezione del mondo pronta ad accettare in maniera assoluta i nuovi fatti della vita moderna ed a modificare il proprio modo di sentire le nuove emozioni sociali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *