"Pietà", o "Cristo morto sorretto dalla Madonna e da San Giovanni" di Giovanni Bellini

  Giovanni Bellini

  Pietà
Pietà, cm. 86 x 107, Pinacoteca di Brera, Milano

        Sull’opera: “Pietà”, o “Cristo morto sorretto dalla Madonna e da San Giovanni”, è un dipinto autografo di Giovanni Bellini detto il Giambellino, realizzato con tecnica a tempera su tavola nel 1460, misura 86 x 107 cm. ed è custodito nella Pinacoteca di Brera, Milano.

L’opera, in basso al centro e sotto la mano del Cristo, reca la scritta “HAEC PERE OVVM GEMITVS TVRGENTIA LVMINA PROMANT / BELLINI POTERAT FLERE IOANNIS OPVS”. In precedenza apparteneva alla collezione Sampieri a Bologna. Si trova nella Pinacoteca di Brera dal periodo napoleonico.

L’autografia è accettata all’unanimità da tutti gli studiosi di Storia dell’arte, mentre per quanto riguarda la cronologia c’è qualche piccola controversia ma la maggior parte degli studiosi propende  al periodo che precede quello dei Trittici della Carità, realizzati tra il 1460 ed il 1464.

Il Dussler, il Van Marle (1935) ed il Robertson (in “JWC” 1950) posticipano la realizzazione agli anni intorno al 1470. L’ipotesi avanzata dal Pallucchini, di una cronologia alla fine degli anni Cinquanta, sembra la più verosimile, considerata l’allora già affermata e libera poetica del Giambellino, dalla quale si evidenzia tutta la sua decisa personalità.

Il solito “Cristo morto” viene trasformato in una ‘sacra conversazione’, ove il movimento conferito dalla struttura compositiva e, soprattutto, dalla coloristica, richiama sentimenti di tragicità e di rassegnazione. L’impiego dello stile padovano è ancora avvertibile negli accurati particolari della luce, conferendo ai panneggi ed ai carnati gradevoli effetti vibranti, ma …. “insieme, la campitura autorevole dei rossi, turchini e verdoni delle vesti viene a riequilibrare con un ‘largo’ maestoso i precedenti grafismi” (Pignatti, 1965).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *