"San Giovanni Evangelista" di Cimabue

Cimabue

Cimabue: San Giovanni Evangelista
San Giovanni Evangelista (particolare), cm. 385 x 223 (l’assieme), Duomo di Pisa.

Opera successiva

Sull’opera: “San Giovanni Evangelista” è un particolare autografo di Cimabue appartenente al grande mosaico “Cristo in trono fra la Vergine e san Giovanni”, realizzato intorno al 1301-2. L’intera composizione si trova nel catino absidale del Duomo di Pisa. 

 Quello in esame è soltanto un particolare del grande mosaico del “Cristo in trono fra la Vergine e san Giovanni” raffigurato nel catino absidale del Duomo di Pisa.

Trattasi dell’unica opera documentata di Cimabue (fonte: Trenta, “I musaici del duomo di Pisa e i loro autori”, ed. nel 1396), per la quale furono emesse rimunerazioni a partire dal 2 settembre 1301 fino al 19 febbraio dell’anno successivo, e che succedette nella realizzazione della grande opera musiva a un maestro Francesco con il compito di inserire altre immagini accanto alla Maestà: “pro operando ipsum ad illas figuras que noviter fìunt circa Magiestatem inceptam in majori Ecclesie S. Marie”.

L’intera composizione venne portata a termine intorno al 1321 (certamente prima e non dopo tale data) dal giovanissimo Vincino di Vanni da Pistoia (1299-1321?/1330?). Benché il mosaico fosse stato ripetute volte sottoposto a restauri – se ne contano quattro in tempi remoti – che ne hanno certamente alterato, anche se solo in parte, l’aspetto originale, una delle figure che parrebbe la meno snaturata è proprio quella in esame, unanimemente assegnata a Cimabue per due evidentissimi motivi: conserva il suo caratteristico linguaggio e viene indicata come sua opera in un documento datato 19 febbraio 1302 (“de summa libr decem quas dictus habere debebat de figura S. Johannis quas tecit juxta Magiestatem”).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *