"Danza di contadini" di Pieter Bruegel

Pieter Bruegel

Pieter Bruegel: Danza di contadini
Danza di contadini, cm. 114 x 164, Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Opera successiva

Sull’opera: “Danza di contadini” è un dipinto autografo di Pieter Bruegel, realizzato con tecnica a olio su tavola nel 1568, misura 114 x 164 cm. ed è custodito nel Kunsthistorisches Museum a Vienna. 

 La tavola è firmata con la scritta “BRVEGEL”. Per quanto riguarda il tema di questa composizione – “la danza dei contadini” – la critica si esprime unanimemente e concorda anche sul fatto che, insieme al banchetto nuziale, appartenga all’ultimissimo periodo dell’attività artistica del Bruegel (1568-69).

Il Jedlicha, con l’avallo dal Genaille, ipotizza una datazione anteriore (1565-66), mentre il Grossmann sceglie una via di mezzo proponendo l’anno 1567.

A proposito di entrambe le tavole, Chrétien de Mechel (catalogo del 1784) insiste sul fatto che esse siano state realizzate come “pendants”, ma i dubbi degli altri critici frenano tale ipotesi, ancorata soltanto alla similitudine delle dimensioni, che appare spesso nei formati dall’artista .

“La danza dei contadini” risulta nei cataloghi del Kunsthistorisches Museum di Vienna fin dai primi anni del Seicento (“ein paurenmusica vom Altenbruegel”). Nella prima metà del Settecento apparteneva alla  Weltlische Schatzkammer che, nel 1748, la vendette alla Galleria Imperiale, quindi — come già sopra riportato — comparve nel catalogo (1784) del Mechel. Nel 1809, assieme al “Banchetto nuziale”, fu trasferita in Francia come bottino di guerra delle truppe napoleoniche; nel 1815 le due pregiatissime opere fecero ritorno alla vecchia sede.

Nella dinamica rappresentazione del ballo campestre l’artista porta al livello più alto il tema che ama di più, già più volte affrontato in passato.

Corposo, radioso ed intenso è il cromatismo di questa bellissima composizione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *