Carlo Crivelli: San Rocco e San Sebastiano (due opere distinte di assieme)

Carlo Crivelli: San Rocco e San Sebastiano (due opere distinte di assieme)

Carlo Crivelli: San Rocco e San Sebastiano (due opere distinte di assieme)
San Rocco e San Sebastiano (due opere distinte di assieme), rispettivamente 43,2 x 11,3 e 42 x 10 cm.

Opera successiva

Sull’opera: “San Rocco” è un dipinto autografo di Carlo Crivelli, realizzato con tecnica a tempera su tavola, misura 43,2 x 11,3 cm. ed è custodito nella Wallace Collection (Hertford House) di Londra. 

 Sull’opera: “San Sebastiano” è un dipinto autografo di Carlo Crivelli, realizzato con tecnica a tempera su tavola, misura 42 x 10 cm. ed è custodito nel Museo Poldi Pezzoli di Milano.

SAN ROCCO: il dipinto, probabilmente derivato dalla rimozione del pilastrino di una cornice, si trova dal 1912 nella sede attuale. Gli studiosi, tranne il Dray, concordano nel considerarlo come opera del tardo periodo crivelliano. Il Testi (1915) si rifiuta addirittura di attribuirgli l’autografia. La tavola è collegata a quella seguente per affinità cromatiche, misure ed esagerato linearismo. L’immagine, analizzata nello scorcio del volto e nell’atipica sinuosità delle palpebre, alquanto allungate, evidenzia come  l’elegante purezza si possa trasformare in un incisivo tormento formale. Lo stato di conservazione dell’opera è abbastanza buono.

SAN SEBASTIANO MARTIRIZZATO: come il precedente dipinto è probabilmente derivato dalla rimozione del pilastrino di una cornice. Nonostante molti studiosi – tra cui Lionello Venturi, 1907; Drey, 1927; Morassi, 1936; Baroni, 1952; Dell’Acqua, 1952 – concordano nell’attribuirlo al primo periodo crivelliano, altri critici – come Rushforth, 1900; Testi, 1915; Berenson, 1932, 1936, 1957; Van Marle, 1934-36; Zampetti, 1952; Bussoli, 1955 – evidenziano invece grandi affinità con le opere del tardo periodo perché assai vicino ai modi dell’incisione, non solo per il metallico ed il nitido ma anche per i chiaroscuri stesi a piccolissimi tratti paralleli. Lo stato di conservazione della tavola è abbastanza buono.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *