"Cristo porta-croce"  di Hieronymus Bosch

Hieronymus Bosch

Hieronymus Bosch: Cristo porta-croce
Cristo porta-croce, cm. 76,5 x 83,5, Musée des Beaux arts, Gand.  (particolare 1particolare 2)

Sull’opera: “Cristo porta-croce” è un dipinto autografo di Bosch, realizzato con tecnica a olio su tavola nel 1515-16, misura 76,5 x 83,3 cm. ed è custodito nel  Musée des Beaux arts, Gand.

 Quella in esame è l’opera più sconcertante e probabilmente l’ultima realizzata dal Bosch. La tavola si trova nell’attuale sede dal 1902, dopo che fu acquistata da Hulin de Loo. Entrata nel museo gli furono arrotondati leggermente gli angoli e fu sottoposta – nel biennio 1056-57 – ad un accurato restauro.

L’autografia dell’artista non ha mai suscitato alcun dubbio, come pure la tarda cronologia (salvo la perplessità del Puyvelde che nel 1962 si pronunciò ad un assegnazione relativa al primo periodo, e del Combe che l’avvicinò al “Trittico delle delizie”). Secondo il Baldass (1959) il “Cristo portacroce” è una delle ultime opere di Bosch, mentre per il Tolnay (1937 – 1975), l’ultima. Secondo la maggior parte dei critici la realizzazione della tavola, in rapporto al pacato e disteso linguaggio del Sant’Antonio del Prado e dell’Epifania – entrambe datate 1910 – è certamente a queste posteriore.

La caratteristica di questo straordinario dipinto è la presenza di sole teste che levitano attorno all’asse obliquo della croce, nella quale il Tolnay scorge nel volto del Redentore uno straziante sogno sul destino dell’umanità, ma non solo: un fragile punto di incontro fra comicità e orrore, che nella dottrina di Freud è tipico delle visioni oniriche, permea tutta la composizione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *