"Pierrot che suona il mandolino" di Honoré Daumier

Honoré Daumier

Pierrot che suona il mandolino
Pierrot che suona il mandolino, cm. 35 x 26,5, Sammlung O. Reinhart, Winterthur.

Sull’opera: “Pierrot che suona il mandolino” è un dipinto autografo di Honoré Daumier, realizzato con tecnica a olio su tavola nel 1873, misura 35 x 26,5 cm. ed è custodito nella Sammlung O. Reinhart a Winterthur.

Mostre: “Exposition des peintures et dessins de H. Daumier”, Parigi, Galerie Durand-Ruel, 1878; “Exposition Daumier, par le Syndicat de la presse artistique”, Parigi, Palais de l’Ecole des Beaux-Arts, 1901; “Internationale Ausstellung”, Brema, Kunsthalle, 1914; “Französische Kunst des 19. und 20. Jahrhunderts. Zurigo. Kunsthaus, 1917; “Ausstellung Honoré Daumier”, Gemälde, Aquarelle und Zeichnungen, Berlino, Galerie Matthiesen, 1926; “Sammlung Oskar Reinhart”, Berna, Kunstmuseum, 1939-40; “Die Sammlung Oskar Reinhart”, Winterthur, Kunstmuseum, 1955 (o  “Europaische Meister 1790-1910”, Winterthur, Kunstmuseum, 1955).

Il dipinto, che è conosciuto anche con i titoli di “Arlecchino”, “Pagliaccio” e “Serenata”, in precedenza appartenne a Camentron, S. Biermann e Matthiesen.

In basso a sinistra si leggono le iniziali dell’artista: “h. D.”.

È molto probabile che la composizione, sotto l’impressione dell’ “Étude” di Fragonard, sia pervenuta nel 1869 al Louvre con il lascito Lacaze. Molti studiosi però insistono sulla cronologia riferita al 1873.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *