Scomposizione di una testa di donna di Umberto Boccioni

Umberto Boccioni

Scomposizione di una testa di donna
Scomposizione di una testa di donna, cm. 46 x 61.

Alla pagina della seconda serie di opere di Umberto Boccioni

Sull’opera: “Scomposizione di una testa di donna è un dipinto autografo di Umberto Boccioni realizzato con tecnica ad olio su tela nel 1911 e misura 46 x 61 cm.

Il Boccioni in questo dipinto, nonostante abbia impostato una tematica con elaborazione chiaramente cubista, mette in evidenza le indicazioni scritte nel manifesto futurista dell’11 aprile 1910: il suo intento è quello di rappresentare la compenetrazione fra spazio-spazio, volume-volume e spazio-volume, in una nuova dimensione.

Ecco cosa scriveva l’artista a proposito di quanto detto:

“Oltre che un’innegabile prova dell’elaborazione della tematica cubista (si veda anche n. 133), è probabilmente da scorgere qui una dimensione più risolutamente futurista nel senso indicato dal Manifesto del 1910; cioè, una ricerca di compenetrazione fra spazio e volume, fra volume e volume: “Per dipingere una figura non bisogna farla: bisogna farne l’atmosfera. Lo spazio non esiste più … Le sedici persone che avete intorno a voi in un tram che corre sono una, dieci, quattro, tre: stanno ferme e si muovono: vanno e vengono, rimbalzano sulla strada, divorate da una zona di sole, indi tornano a sedersi, simboli persistenti della vibrazione universale. E, talvolta, sulla guancia della persona con cui parliamo nella via noi vediamo il cavallo che passa lontano. I nostri corpi entrano nei divani su cui ci sediamo e i divani entrano in noi, così come il tram che passa entra nelle case, le quali alla loro volta si scaraventano sul tram e con esso si amalgamano”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *