"Conversione di San Paolo" di Caravaggio

 Michelangelo Merisi

La conversione di San Paolo di Caravaggio
La conversione di San Paolo, cm 230 x 175, Chiesa di Santa Maria del Popolo, Roma.

Opera successiva

Sull’opera: “Conversione di San Paolo” è un dipinto autografo di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1600-01, misura 230 x 175 cm. ed è custodito a Roma nella basilica di Santa Maria del popolo. 

Nella scena è descritto il momento culminante della “Conversione di San Paolo”, dove, sulla via di Damasco Saulo viene abbagliato da una intensissima luce: in essa Gesù gli ordina di diventare suo ministro per testimoniarne la sua missione fra gli uomini. Il cavallo ha uno zoccolo alzato in segno di rispetto per il santo.

Anche quest’opera, come altre del Caravaggio, è stata rifiutata dai committenti nella prima sua versione perché carica di realismo e di forte audacia, come testimoniano le radiografie che riscontrano un San Paolo con le testa reclinata all’indietro mettendo in evidenze la sua forte agitazione. Questa prima versione (corretta dallo stesso Caravaggio) è stata recentemente esposta al pubblico per la prima volta nella stessa basilica ed è stato così possibile vedere le due opere a confronto.

Da non confondere quest’opera con la “Conversione di San Paolo” della collezione Odalisca Balbi, di cui attualmente (siamo al giugno 2010) il presidente del consiglio Silvio Berlusconi sta trattandone l’acquisto.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *