La "Cattedrale di Chartres"

Nella foto: una veduta della Cathedrale di Chartres

Cathedrale di Chartres
Cathedrale di Chartres

Ritorna all’elenco delle chiese nel presente sito web

Sulla chiesa in esame: La “Cattedrale di Chartres”, edificata sotto il vescovo Fulberto, si trova a Chartres, fu costruita nel secolo XI ed è di arte “gotica”. 

La Cattedrale di Chartres, dedicata alla Vergine Maria, è una delle costruzioni gotiche più importanti e significative, si trova a Chartres, nella Francia nord-occidentale, a 95 chilometri da Parigi.

STORIA

Non si sa molto della storia di questo edificio sacro, ma pare che nel corso dei secoli siano state costruite ben cinque cattedrali su questo sito, distrutte tutte da gravi incendi o da guerre. La prima testimonianza della sua presenza è del 858, quando fu danneggiata irreparabilmente da una tribù germanica proveniente da Nord. Poco dopo ne fu costruita un’altra, ma nel 962 un incendio la devastò, e così venne iniziata la terza costruzione che fu distrutta da un nuovo incendio nel 1020. Alla morte dello stesso Fulberto nel 1028, era praticamente già ricostruita, ma l’incendio verificatosi nel 1034 ne rimandò la consacrazione all’anno 1037. Il 10 giugno 1194, la cattedrale voluta dal vescovo Fulberto, fu devastata da un ulteriore tremendo incendio, che provocò notevoli danni. Venne così colta questa occasione per modificare l’intera struttura. La nuova chiesa fu consacrata nel 1260, alla presenza del re Luigi IX. L’edificio divenne una delle più importanti istituzioni scolastiche nel periodo medievale, a partire dall’arrivo del vescovo Fulberto nel 990 fino alla nascita dell’Università di Parigi nel 1215, e proprio la fondazione di quest’ultima determinò il declino della scuola della cattedrale. Nei secoli successivi, tale costruzione fu danneggiata nel periodo della Rivoluzione francese, mentre fu risparmiata dalla Seconda Guerra Mondiale, anche se in questa occasione, la città subì considerevoli danni per i bombardamenti.

ESTERNO

La facciata occidentale presenta 19 sculture risalenti alla metà del XII secolo, e circa 300 figure. Compaiono inoltre molte vetrate, in tutto ne sono state contate ben 176, nelle quali sono rappresentati perlopiù personaggi della Bibbia. Altra caratteristica che rende riconoscibile questa costruzione sacra è la presenza di due torri profondamente diverse tra di loro: la torre sud, tipicamente gotica, termina con una guglia alquanto semplice, mentre la torre nord, realizzata successivamente, si presenta molto più complessa. Il portale nord, denominato Portale dell’Alleanza, presenta scene dell’Antico Testamento e della vita di Maria, la madre di Gesù, realizzate agli inizi del XIII secolo, mentre il portale sud, detto Portale della Chiesa, vede rappresentato il Giudizio Universale.

INTERNO

La cattedrale è lunga 130 metri, larga 32-46 metri, con un’altezza delle volte di 37 metri, che supera i 115 metri di altezza nella torre sud. La pianta è a croce. Internamente la navata centrale si divide su tre livelli: arcate, triforio e parete superiore finestrata. Il primo livello, è caratterizzato da archi a sesto acuto che sostengono il triforio (secondo livello), e nella parte superiore si trova la parete sulla quale compaiono le finestre, con sopra un rosone, che forniscono luce all’interno. Tali finestre presentano dei vetri colorati (risalenti al XII-XIII secolo) piuttosto spessi che fanno sì che l’interno sia molto scuro, ma accentua la bellezza delle vetrate e delle luci colorate che filtrano da esse. La cattedrale di Chartres è famosa anche per il suo Labirinto, un percorso circolare di circa 261 metri presente nella navata centrale. Secondo alcuni il labirinto è un cammino simbolico che conduce l’uomo dall’esterno al centro, dalla terra a Dio, per altri invece è un cammino interiore che l’uomo deve effettuare per arrivare a Dio, per mezzo della preghiera. Di valore è anche il recinto del coro, nel quale sono presenti ben 200 statue, scolpito da Jehan de Beauce e realizzato nel XVI secolo in stile rinascimentale. All’interno della cattedrale è possibile visitare due cripte concentriche, una interna e una esterna ( ciò è dovuto al fatto che nel passato si sono succedute diverse costruzioni della cattedrale). La prima fu costruita nel secolo IX ed è sotto il coro dell’attuale cattedrale, l’altra invece risale all’XI secolo e costituisce la più grande cripta della Francia. Non si può non ricordare anche una reliquia molto famosa nel Medioevo, chiamata il Velo della Vergine, donata nell’876 dall’imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo il Calvo, e collocata adesso nel deambulatorio: si tratta della tunica portata da Maria al momento dell’Annunciazione dell’Arcangelo Gabriele.

Serena




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *