Trier Liebfrauenkirche (Chiesa di Nostra Signora a Treviri)

Nella foto: la facciata della chiesa

Trier Liebfrauenkirche (Chiesa di Nostra Signora a Treviri)
Trier Liebfrauenkirche (Chiesa di Nostra Signora a Treviri)

Ritorna all’elenco delle chiese nel presente sito web

Sulla chiesa in esame: La “Chiesa di Nostra Signora a Treviri”, iniziata sotto l’arcivescovo Theoderich von Wied e continuata dall’arcivescovo Konrad von Hochstaden, si trova a Treviri, fu costruita nel secolo XIII ed è di stile “gotico tedesco”. 

 La Chiesa di Nostra Signora costruita (accanto al duomo) a Treviri, una delle città più antiche della Germania, è situata nel Land Renania-Palatinato ed è uno dei primi esempi di gotico tedesco.

STORIA

Costantino il Grande, nell’anno 312, dopo aver sconfitto Massenzio nella battaglia di Ponte Milvio, si proclamò unico imperatore dell’Impero romano e scelse Treviri come capitale. Qui, nel 326, fece costruire due basiliche: la basilica nord e la basilica sud. La prima, qualche decennio più tardi, fu completata da una costruzione quadrata (che ancora oggi sostiene il soffitto), nei secoli successivi subì lavori di ampliamento e ricostruzione, diventando l’attuale Duomo di Treviri; la seconda invece, venne distrutta, nonostante la ristrutturazione del secolo X. Nel XIII secolo l’arcivescovo Theoderich von Wied (1212-1242) decise la ricostruzione di questa seconda chiesa ( si ritiene che i lavori siano iniziati intorno al 1230 e terminati intorno al 1260) che diventò la Chiesa di Nostra Signora di Treviri, realizzata secondo i dettami del gotico. A partire dal 1243 i lavori continuarono grazie all’arcivescovo Konrad von Hochstaden che riuscì a trovare i soldi per terminarne i lavori. Nel 1492, sulla torre centrale venne posizionato un alto campanile, crollato poi nel 1631 in seguito ad una tempesta, più tardi sostituito da un tetto a padiglione, distrutto nel corso della Seconda guerra mondiale, sostituito successivamente da un nuovo tetto nel 1945 e poi da un altro ancora nel 2003. La chiesa fu gravemente danneggiata durante la Seconda guerra mondiale e i lavori di ristrutturazione incominciarono tra il 1946 e il 1951, nel corso dei quali l’altare è stato posizionato nel centro della chiesa. Nel 1951 ha ricevuto dal Papa il titolo di “basilica minore”.

ESTERNO

È costituita da quattro portali, uno per ogni punto cardinale. Il portale occidentale è assai ricco di figure, perlopiù copie, poiché gli originali si trovano in alcuni musei. Il portale settentrionale invece, è l’attuale porta d’ingresso alla chiesa e presenta raffigurazioni ispirate al Paradiso.

INTERNO

La chiesa, dedicata alla Vergine Maria, definita Rosa Mystica nelle Litanie della Madonna, si presenta molto simile a questo simbolo. La sua pianta è a croce greca con il ramo orientale un poco più lungo degli altri. Nel punto d’incrocio dei quattro bracci della croce si innalza una torre a pianta quadrata, circondata da tutta una serie di cappelle poligonali (le absidi), che costituiscono una rosa di dodici petali, con pilastri e colonne (dodici colonne in rappresentanza dei dodici apostoli, con il compito di sostenere la costruzione della chiesa). Gli elementi gotici si evidenziano nelle vastissime finestre a due ordini in sovrapposizione e nelle lucenti volte. Nella chiesa compaiono diverse tombe, tra tutte possiamo citare quella di Karl Metternich, un nobile del luogo, mentre molte altre sono state rimosse nel periodo della Rivoluzione francese.

Serena




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *