Pittore Amico Aspertini

(Bologna 1474 circa, Bologna 1552)

Volta della Cappella della Croce in San Frediano, Lucca
Sopra, un’opera decorativa dell’artista: Volta della Cappella della Croce in San Frediano, Lucca.

Biografia

Nascita: Bologna, intorno al 1474.

Morte: Bologna 1552.

Formazione artistica: appartenente ad una famiglia di pittori (suo padre era Giovanni Antonio, suo fratello si chiamava Guido), riceve i suoi primi insegnamenti artistici da Francesco Francia e Lorenzo Costa. Il suo stile è fortemente influenzato dalla pittura del Pinturicchio.

Periodo di appartenenza: Rinascimento.

La sua pittura: Rinascimentale con un linguaggio artistico abbastanza complesso che si sposta verso l’eclettico e l’eccentrico, anticipando in qualche modo quello manieristico.

Aspertini è uno fra i più grandi esponenti del gruppo appartenente alla Scuola bolognese. L’artista spesso lavora contemporaneamente con due pennelli, uno nella mano destra l’altro nella sinistra riuscendo a fare tocchi multipli di chiaro-scuro.

Dove è artisticamente attivo: Bologna, Roma.

Alcune sue opere:

  • Adorazione dei Pastori custodita negli Staatliche Museen di Berlino.

  • Affreschi dell’Oratorio di Santa Cecilia a Bologna.

  • L’Adorazione dei Pastori custodito nella Galleria degli Uffizi di Firenze.

  • Pieta con San Marco, Battaglia delle Amazzoni.

  • “Continenza di Scipione” e “Ratto delle Sabine” al Museo del Prado di Madrid.

Un cenno bibliografico:

  • John P. O’Neill, Francis P. Smyth, Il periodo del Correggio e del Carracci (The Age of Correggio and the Carracci): (Dipinti emiliani) Emilian Painting of the 16th and 17th Centuries (in inglese) Washington DC, National Gallery of Art, 1986.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *