Pittore Francis Bacon

Francis Bacon (Dublino, 28 ottobre 1909 – Madrid, 28 aprile 1992)

Studio del ritratto di Innocenzo X
Sopra, un’opera dell’artista: Studio del ritratto di Innocenzo X, anno 1953 (da un’opera di Velazquez)) foto a bassa risoluzione inserita al solo scopo didattico

Cenni biografici

Francis Bacon nasce a Dublino il 28 ottobre 1909 e muore a Madrid il 28 aprile 1992. Egli è influenzato dalla cultura artistica londinese e dall’Espressionismo tedesco.

Inizia la sua carriera come illustratore.

I suoi “Tre studi per le figure alla base di una crocifissione”, destano scalpore nel pubblico e reazioni violente nella critica, perché eseguiti con il più forte linguaggio espressionistico.

Crea clamore e meraviglia anche lo studio della figura del papa Innocenzo X (si veda la foto in alto), eseguita come riproduzione a memoria di un quadro di Velázquez. Nella pittura di Francis Bacon c’è un’analisi radicale delle forme, dei colori e dei valori emozionali. Le sue opere rimangono tragiche ed intransigenti.

Francis Bacon, insieme a Lucian Freud, è stato il massimo  esponente della “Scuola di Londra”. Il suo linguaggio artistico si orientava contro tutti i canoni della pittura: del passato, di quella moderna e coeva, comprese alcune forme (soprattutto relative all’astrattismo) dello stesso Espressionismo di cui egli stesso era un grande sostenitore.

Alcune espressioni dell’artista tratte da “Interviste a Francis Bacon” di David Sylvester , Skira, 2008:

  • Ricordo che quando c’era l’oscuramento spruzzavano il parco di qualcosa di fosforescente, con l’idea che gli Zeppelin avrebbero scambiato quella luminescenza per le luci di Londra e avrebbero lanciato le bombe nel parco; ma non funzionò».

  • «Mentre ero a Parigi ho visto una mostra di Picasso alla galleria Rosemberg, e in quel momento ho pensato: beh, cercherò anch’io di fare il pittore».

  • «Non sto cercando di dire qualcosa, io sto cercando di fare qualcosa».

  • «Voglio che la mia vita sia il più libera possibile, voglio solo il migliore tipo di atmosfera in cui lavorare».

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *