Pittore Alessandro Bonvicino, detto il Moretto

Il Moretto (Brescia, 1498 circa – 1554/55)

Santa Giustina di Padova e un donatore
Sopra, un’opera dell’artista: Santa Giustina di Padova e un donatore, anno 1530 circa, Kunsthistorisches Museum, Vienna

Biografia

Il Moretto è uno degli esponenti più celebri della Scuola bresciana.

Suoi sono: il ciclo di affreschi con “Raccolta della mamma”, “San Marco, San Luca e i profeti” e la decorazione della lunetta sopra l’altare nella Cappella di Corpus Domini.

Il Bonvicino ha un’indole pacata e ponderata, una grande perizia nel disegno, che spesso lo porta ad interpretazioni un po’ fredde, e ama la pittura dei veneti.

Il cromatismo delle sue opere, fatto di toni argentini, perlacei e talvolta plumbei, lo avvicina a Giovanni Gerolamo Savoldo (1480 circa – post 1548) e, in genere, ai pittori lombardi. Rimangono tuttavia gli influssi subìti nel corso della sua prima formazione derivati dall’anziano Vincenzo Foppa (1427 circa – 1515 circa).

Egli è anche un abile ritrattista (un’ottima testimonianza è il “Gentiluomo” della National Gallery di Londra).

Uno dei suoi allievi più importanti è il bergamasco Giovan Battista Moroni (1523 -1578) famoso per i suoi ritratti, ma poco portato alla realizzazione di pale d’altare. Meritano particolare attenzione alcuni ritratti realizzati da questo artista, tra cui ricordiamo: “Il Gentiluomo” e “Pace Rivola Spino” (entrambi conservati nella Pinacoteca Ambrosiana di Milano), “Antonio Navagero”, (Pinacoteca di Brera) e il “Vecchio gentiluomo” (National Gallery di Londra).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *