Pittore Francesco Polazzo

(Venezia, 1683 – ivi, 1753)

Morte di san Giuseppe
Sopra, un’opera dell’artista: Morte di san Giuseppe, collegiata dei Santi Nazaro e Celso, Brescia.

Cenni biografici

La sua prima formazione artistica si forgia in ambienti bolognesi, dove assimila la pittura delle tradizioni locali.

Nonostante ciò, quando il pittore rientra a Venezia, si orienta verso le nuove tendenze, soprattutto seguendo lo stile del Piazzetta e del Ricci, all’epoca artisti conosciutissimi nella città lagunare [Begni Redona, p. 155].

È qui che il Polazzo svolge prevalentemente la sua attività pittorica, anche se compaiono numerose opere a Bergamo e Brescia (al tempo città sotto il dominio della Serenissima).

La sua pittura, assai prossima a quella del Piazzetta, ha suscitato spesso ampi dibattiti sull’attribuzione di alcune opere all’uno o l’altro artista, soprattutto in presenza di scarse notizie storiche ad esse relative.

Nonostante la notevole influenza del suo grande maestro – che si evidenzia prepotentemente nella quasi totalità delle sue composizioni, compreso l’ultimo periodo – permane sempre quell’eco riferito alla pittura bolognese con le articolate variazioni cromatiche che bene integrano la solarità veneziana, conferendo un efficace e ricercato effetto luministico.

Ancora in riferimento alla persistente permanenza dello stile di prima formazione, la struttura compositiva del Polazzo,  mai innovativa, risulta invece qualitativamente inferiore.

Alcune sue opere:

  • Morte di san Giuseppe, anni 1731-1737, Duomo di Bergamo.

  • Morte di san Giuseppe, anno 1738, collegiata dei Santi Nazaro e Celso, Brescia (figura in alto).

  • Le scienze e le arti alludono all’immortalità, intorno agli anni 1735-1737, collezione privata.

  • Adorazione Dei Magi, intorno agli anni 1735-38, collezione privata.

  • Presentazione di Maria al tempio, Visitazione e Natività di Gesù, Sposalizio della Vergine, intorno all’anno 1750, santuario della Madonna dei Campi, Stezzano.

  • Madonna appare alla Maddalena e a sant’Antonio, chiesa di San Giuseppe, Bergamo.

  • Morte di Francesco Saverio, collezione privata.

  • Madonna col Bambino in gloria e angeli, collezione privata.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *