Tecnica della serigrafia

Pagine correlate: Le tecniche arti visive – Tecnica  della Silografia.

Tecnica della serigrafia

Con l’avvento del digitale questa tecnica ha avuto moltissime e positive integrazioni, permettendo procedimenti assai diversi da quello qui appresso illustrato, che rimane la tecnica di riferimento della serigrafia.

La serigrafia è una tecnica di stampa che prevede l’impiego di teli di seta, convenientemente tesi su telai che sono normalmente di materiale ligneo. L’approntamento dei supporti relativi alla stampa avviene generalmente in modo indiretto, cioè sulla carta trasparente plastificata (la pellicola), dove il disegno viene eseguito – in reale e non rovesciato – con pigmenti diluiti ad acqua. A disegno ultimato, si prosegue con l’incisione fotografica della seta tesa sul telaio: questa, essendo stata preventivamente cosparsa uniformemente di gelatina fotosensibile, è pronta per ricevere il disegno, quindi gli viene sovrapposta la pellicola ed esposta ad un forte fascio di luce, che fa essiccare la gelatina soltanto nei punti esposti ad essa, proteggendo invece quelli più scuri che contengono il disegno.

Questo primo procedimento, talvolta può essere semplificato tracciando direttamente “in negativo” (immagine rovesciata) il disegno sul telaio di seta ed applicando materiale di riempimento, che diventerà, ad essiccazione completata, impermeabile sulle parti non disegnate. Continuando e prendendo in considerazione il procedimento iniziale, dopo aver sottoposto alla luce le parti non disegnate ed averle rese asciutte, si passa alla fase di lavaggio con abbondanti getti d’acqua, che liberano i pori della seta dalla gelatina non essiccata. A questo punto abbiamo un telo con pori ostruiti e pori liberi da gelatina, pronto per la fase di inchiostrazione, dove l’inchiostro potrà passare soltanto dai pori liberi da ostruzione.

Si monta il telaio sulla macchina serigrafica e si passa alla fase di stampa. Sovrapposto il foglio di carta nel piano di stampa e facendo uniforme pressione contro la seta, l’inchiostro passa dai pori aperti depositandosi sulla carta. Il telaio viene sottoposto ad un’usura poco incisiva e può potenzialmente permettere la realizzazione di un numero elevato di copie perfettamente uguali e, proprio per questa peculiarità, la serigrafia è molto impiegata nel settore della pubblicità.

Le copie sono monocromatiche, ma impiegando tante matrici per quanti sono i colori che si desidera impiegare, lo stesso foglio verrà impresso più volte, ottenendo così la serigrafia policromatica.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *