Tecnica a tempera

Pagine correlate: Le tecniche arti visive – Un’opera di Degas: pastello e tempera.

Tempera

La tempera appartiene a quel genere di tecnica pittorica che impiega l’acqua per lo scioglimento di pigmenti, derivati dalle combinazioni di resine vegetali e altre sostanze, come la gomma arabica, il lattice di fico, l’albume dell’uovo e la colla di pesce, per dare la proprietà di aderenza quando viene a contatto della superficie del supporto. La tempera può essere stesa su superfici di vario genere, come ad esempio la tela, la carta, il legno, il marmo ecc. La tempera, si sa per certo, che già era praticata intorno al 1100 – 1200, ma le procedure di applicazione erano molto diverse. Agli inizi il lavoro andava avanti per strati sovrapposti, in seguito gli strati venivano applicati per accostamento e, dal Quattrocento, con lo sviluppo del disegno e della prospettiva, ogni particolare precedentemente configurato dal tratto, doveva aiutare ad acquisire profondità ed armonia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *