Autoritratto a ventiquattro anni di Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres: Autoritratto a ventiquattro anni
Autoritratto a ventiquattro anni, cm. 78 x 61, Musée Condé, Chantilly.

Sull’opera: “Autoritratto a ventiquattro anni” è un dipinto autografo di Ingres realizzato con tecnica a olio su tela nel 1804 (rielaborato prima del 1851), misura 78 x 61 cm. ed è custodito nel Musée Condé a Chantilly. 

 Sul fondo, in alto, ben leggibile sulla sinistra e un po’ meno sul lato destro, compare la scritta: “Eff. J. A. Ingres Por FU Pa[r]is 1804. Tradizionalmente la tela viene identificata nel dipinto che fu presentato al Salon del 1806 con alcune varianti, che  l’artista rielaborò molto tempo dopo (si parla probabilmente del 1851, anno in cui il ritratto venne inciso da Revéil nel suo aspetto attuale), come testimoniano la riproduzione fotografica di Marville e la copia realizzata a mano della Forestier.

In tale presupposto, abbastanza verosimile, che tale identificazione sia effettivamente stata l’origine a cui seguirono le molteplici ridipinture, è da mettere in evidenza la scomparsa del braccio alzato, in atto di rimuovere un disegno a gessetto, sul telaio del cavalletto, ove era raffigurato Gilibert. Anche il cappotto, nella presente tela, si presentava con colori diversi.

Si pensa  sia corretto considerare che Ingres abbia sottoposto il dipinto ad un processo di sintesi, rimuovendo così qualsiasi direttrice disarticolata e cercando – abilmente riuscendoci –  di uniformare il concetto della variazione cromatica in una gradevole armonia, anche se assai limitata (si noti la carenza dei toni tendenti al blu).

L’opera pervenne al principe Napoleone nel 1860 in cambio del “Bagno turco”. Più tardi passò a Fr. Reiset, il quale la cedette (1879) al duca d’Aumaie, e quindi, insieme a l’intera collezione di quest’ultimo, approdò al Musée Condé di Chantilly, la sede odierna.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *