Pinturicchio, Perugino e d’Amelia: Storie di San Bernardino

Perugino

San Bernardino risana una fanciulla (1473)
Sopra: Pietro Perugino – San Bernardino risana una fanciulla (1473)

Sull’opera: “Le Storie di san Bernardino” appartengono ad un ciclo di otto dipinti realizzati con tecnica a tempera su tavola intorno al 1473. Essi sono generalmente riferiti, con riserve, alla “Bottega del 1473” o a un “Maestro”. Di certo vi parteciparono Pinturicchio, Perugino e Piermatteo d’Amelia. Le opere si trovano nella Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia

Descrizione e storia delle opere

Le tavole vennero commissionate nel 1473 dai Francescani di Perugia per la decorazione di due ante che dovevano ricoprire una nicchia con la statua di San Bernardino nell’omonimo oratorio. In quell’anno l’ordine, più che mai politicizzato, si occupava di diffondere il messaggio del santo senese, canonizzato nel 1450: il ciclo doveva raffigurarne i miracoli di san Bernardino.

All’opera pare che abbiano partecipato cinque pittori, tra cui anche nomi di grande prestigio. Tutti però dovevano attenersi a un unico linguaggio, il cui progetto viene generalmente assegnato al giovanissimo Pietro Perugino, da pochissimo tempo riconosciuto come un grande maestro dopo che si iscrisse, nel 1472, alla compagnia di San Luca a Firenze.

Il ciclo di tavole fu smantellato in epoca sconosciuta e venne poi ritrovato nella chiesa di San Francesco al Prato a Perugia. L’aspetto originale dei dipinti e collocazione primitiva dei pannelli è a tutt’oggi oggi oggetto di grandi discussioni tra gli studiosi.

Grandi sono gli influssi di Piero della Francesca – a quei tempi conosciutissimo a Urbino – soprattutto nelle vaste architetture in cui vengono rappresentate le scene del santo. Le figure di ogni tavola sono assai piccole e occupano soltanto la fascia inferiore. La luminosità è netta e chiara, il cromatismo delicato, mentre le parti in ombra riflettono i chiarori del contesto generale, proprio sul modello di Piero. La purezza architettonica lascia trasparire una meditazione con la scuola di Urbino.

Raffigurazione delle tavole

San Bernardino risana una fanciulla

Pietro Perugino – San Bernardino risana una fanciulla (1473).

Miracolo del bambino nato morto

Pietro Perugino e Pinturicchio – Miracolo del bambino nato morto (1473)

Storie di san Bernardino, anno 1473, tecnica a tempera su tavola, Galleria Nazionale dell’Umbria, Perugia.

Pinturicchio – Liberazione di un prigioniero dopo l’apparizione post mortem del santo (1473).

Pinturicchio - Guarigione del cieco (1473)

Pinturicchio – Guarigione del cieco (1473).

Pinturicchio - San Bernardino richiama alla vita un uomo morto trovato sotto un albero

Pinturicchio – San Bernardino richiama alla vita un uomo morto trovato sotto un albero (1473).

Pietro Perugino e la sua bottega - San Bernardino risana Giovanni Antonio da Parma ferito con una pala

Pietro Perugino e la “Bottega del 1473” – San Bernardino risana Giovanni Antonio da Parma ferito con una pala (1473).

Pietro Perugino e la "Bottega of 1473" San Bernardino appare di notte a Giovan Antonio Tornaro, ferito in un agguato, e lo risana

Pietro Perugino e la “Bottega del 1473” San Bernardino appare di notte a Giovan Antonio Tornaro, ferito in un agguato, e lo risana (1473).

Pietro Perugino a la "Bottega del 1473" - San Bernardino guarisce Nicola di Lorenzo da Prato, travolto da un toro (1473)

Pietro Perugino a la “Bottega del 1473” – San Bernardino guarisce Nicola di Lorenzo da Prato, travolto da un toro (1473).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *