"Risanamento del cieco e sordomuto Riccardo Micuzio dall’Aquila " del Perugino

Il Perugino: “Storie di San Bernardino”

Il Perugino: "Storie di San Bernardino" Risanamento del cieco e sordomuto Riccardo Micuzio dall'Aquila
“Storie di San Bernardino” Risanamento del cieco e sordomuto Riccardo Micuzio dall’Aquila , cm. 76 x 56,7, Galleria Nazionale dell’Umbria, Perugia.

 Sull’opera: “Risanamento del cieco e sordomuto Riccardo Micuzio dall’Aquila ” è un dipinto prevalentemente attribuito a Pietro Vannucci detto il Perugino, realizzato con tecnica a tempera su tavola nel 1473,  misura 76 x 56,7 cm. ed è custodito nella Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia.

L’identificazione del soggetto miracolato in Riccardo Micuzio dall’Aquila non è affatto sicura, ma è comunque molto probabile perché tramandataci dalla tradizione. I massicci archi, configurati con clipei a ghirlanda richiamano il Tempio Malatestiano di Rimini, mentre le tre finestre in alto, il prospetto dei ‘torricini’ del Palazzo urbinate (fonte: Mario Salmi).

Per quanto riguarda l’autografia dell’opera, le ipotesi sono alquanto divergenti: le assegnazioni vertono soprattutto su Benedetto Bonfigli (Perugia, 1420 – 8 luglio 1496) e Fiorenzo di Lorenzo (c. 1440 – 1522), indicati da Adolfo Venturi (1909). Il Perugino viene indicato a pieno titolo dal Berenson (1932), Zeri e Santi (1955). Il Perugino con un consistente intervento del Pintoricchio, viene ipotizzato invece da Gnoli (1923) ed altri, di cui sembra essere l’ipotesi più verosimile.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *