Il ratto d’Europa del Tiepolo

 Il Tiepolo
Il Tiepolo: Il ratto d'Europa
Il ratto d’Europa, cm.  99 x 134, Gallerie dell’Accademia, Venezia.

Vai al secondo elenco opere del Tiepolo

Sull’opera: “Il ratto d’Europa” è un dipinto prevalentemente attribuito a Gianbattista Tiepolo, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1720-22, misura 99 x 134 cm. ed è custodito nelle Gallerie dell’Accademia a Venezia. 

 Il dipinto in oggetto appartiene ad una serie di quattro tele, tutte della stessa dimensione (99 x 134 cm.), attualmente custodite nelle Gallerie dell’Accademia a Venezia. Le altre tre sono: “Diana e Atteone”, “Diana e Callisto” e “Apollo e Marsia”.

 I percorsi storici esterni dei quattro dipinti sono diversi: quello in esame, insieme al “Diana e Atteone”, venne acquistato dai conti Agosti di Belluno nel 1898, mentre “Diana e Callisto” e “Apollo e Marsia”  dai conti Capponi nel 1907, sempre di Belluno. Il ciclo pittorico era attribuito a Sebastiano Ricci fino a quando, nel 1922, dopo una prima timida ipotesi dello Schlosser [1922], il Voss [“KK” 1922] lo segnalò come lavoro giovanile del Tiepolo, con il pieno appoggio di altri illustri studiosi di Storia dell’arte.

L’aggressività della struttura compositiva lasciò presupporre al Fiocco [“RDV” 1929] che si trattasse del pittore Francesco Fontebasso (Venezia, 1707 – Venezia, 1769), consueto a cromatismi vigorosi e pesanti, ma verosimilmente soltanto Giambattista poteva porre con tale variazione tonale – nei motivi – e con altrettanta disinvolta fluidità – nei raggruppamenti – una così pregiata stesura pittorica. Una forte peculiarità si evidenzia nella tipologia oltre che nella struttura solida ed elastica delle figure femminili. Nonostante i danni subiti e le conseguenti variazioni “da restauri”, il cromatismo di queste quattro opere costruisce con grande maestria le forme enfaticamente illuminate e ricche di contrasto.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *