"San Giorgio e il drago" di Cosmè Tura

Cosmè Tura

Cosmè Tura: San Giorgio e il drago
San Giorgio e il drago, cm. 349 x 305, Museo del duomo di Ferrara.

Ritorna all’elenco opere di Cosmè Tura

Sull’opera: “San Giorgio e il drago” è un dipinto autografo di Cosmè Tura, appartenente alla serie delle “Ante d’organo del duomo di Ferrara”, realizzato con tecnica a tempera su due tele le cui dimensioni complessive sono 349 x 305 cm. L’opera è custodita nel Museo del duomo di Ferrara. 

 La composizione, raffigurata su due tele, era visibile quando le ante dell’organo venivano aperte. Il Cavalcaselle (1871) giudicò la figura della principessa selenita Sabra come “una caricatura del Pollaiolo“, mentre l’Ortolani – nel 1941 – la presentò “in tutto degna della terra emiliana, paese del melodramma”.

Dopo il restauro del secolo scorso, tali negative valutazioni sono cessate, dal momento che la figura di Sabra, ripresa nell’attimo del terrore provocato dalla vista dell’orribile creatura, rappresenta una delle creazioni più vigorose e significative del Tura.

Per Mario Salmi (1957) questa composizione costituisce “un capolavoro di potente astrazione stilistica”, sottolineando che “la fantasia del Tura, con lucida asprezza pungente, ci offre dell’episodio agiografico una favola legata ad una sua originale visione ed insieme all’ambiente cavalleresco della corte estense”

Particolari:

7 cosmè tura - ante organo del duomo di ferrara
Particolare della principessa Sabra.
8 cosmè tura - ante organo del duomo di ferrara

Particolare di San Giorgio nell’atto di colpire il drago.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *