"Il martirio di San Maurizio" di El Greco

El Greco

El Greco: Il martirio di San Maurizio
Il martirio di San Maurizio, cm. 448 x 301, Monastero, Escorial.

Opera successiva

Sull’opera: “Il martirio di San Maurizio” è un dipinto autografo di El Greco, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1580-82, misura 448 x 301 cm. ed è custodito nel Monastero dell’Escorial (San Lorenzo de El Escorial), Madrid. 

 La presente composizione venne commissionata all’artista nel 1580 da Filippo II, quando era già in piena fase di realizzazione. Da documentazioni certe si ricava che il 25 aprile dello stesso anno il re di Spagna dispose che il priore dell’Escoriai facesse pervenire al Greco una somma di denaro per l’acquisto di nuovi colori, affinché venisse snellita l’esecuzione dell’opera.

Il saldo completo, che ammontava a 800 ducati, non venne effettuato in un’unica soluzione ma fu fatto a più riprese, che si protrassero fino al 1583. Comunque la documentazione parla di un dipinto portato a termine il 16 novembre 1582. Altre fonti (tra i quali quella del Cossio), non documentate come la precedente ma in pieno accordo con Camón Aznar e Trapier, indicano una consegna più tarda, effettuata il 17 agosto 1584.

Di certo si sa che il quadro non piacque a Filippo II, il quale già nel 1584 lo fece rimuovere e sostituire con un’opera commissionata ad hoc al pittore Romolo Cincinnato che dal 1539 lavorava all’Escorial. A questi fu dato anche l’incarico di valutare il quadro in esame. La scelta del soggetto, appariva al sovrano piuttosto inconsueta; comunque, si pensa che tale decisione fosse stata motivata dalla presenza di gran parte delle reliquie (la testa si trova nella cattedrale di Toledo) del santo, custodite proprio all’Escorial, testimonianza di una particolare attenzione ai primi martiri cristiani attivata dalla Controriforma.

Quasi certamente l’aspetto iconografico si ispira alla “Legenda aurea”, per cui san Maurizio, insieme ai suoi legionari, sarebbe stato ucciso su preciso ordine dell’Imperatore Diocleziano ad Agaune (l’attuale Saint-Maurice-en-Valais), per aver rifiutato sacrifici verso gli dèi pagani.

Camón Aznar suddivide la composizione in tre momenti ben distinti dell’episodio, identificando l’autoritratto del Greco nella seconda figura a destra di san Maurizio. Secondo lo studioso le scene si svolgono nella seguente sequenza:

  1. La scelta da parte dei santi si sottoporsi al martirio (disposti in gruppo a guisa di una “sacra conversazione”);

  2. La feroce esecuzione (in secondo piano, basso sulla sinistra);

  3. La glorificazione.

Esistono due sole copie della composizione in esame: una di buona qualità, realizzata da Jorge Manuel (figlio dell’artista), appartenente alla collezione Ristehuebera a Parigi; l’altra, una volgare ripetizione, custodita nella Pinacoteca Nazionale di Bucarest.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *