"Natività della Vergine" di Pietro Lorenzetti

Pietro Lorenzetti

Pietro Lorenzetti:Pietro Lorenzetti Natività della Vergine
Natività della Vergine, cm. 187 x 182, Museo dell’Opera del Duomo, Siena.

Sull’opera: “Natività della Vergine” è un dipinto (trittico) autografo di Pietro Lorenzetti, realizzato con tecnica a tempera su tavola nel 1342, misura 187 x 182 cm. ed è custodito nel Museo dell’Opera del Duomo di Siena. 

Quella in esame è l’ultima opera – documentata – realizzata da Pietro Lorenzetti. Il trittico, eseguito nella fase più tarda dell’artista, faceva parte della serie di dipinti che narravano le storie di Maria per le decorazioni degli altari del Duomo di Siena. L’opera fu commissionata intorno al quarto decennio del XIV secolo per l’altare di San Savino.

 A questo ciclo appartengono anche la “Presentazione di Gesù al Tempio” del Fratello Ambrogio e l’Annunciazione di Simone Martini. Lo stile di Ambrogio nel tardo periodo ha una certa influenza su Pietro, che ne affievolisce la monumentalità giottesca nello studio più accurato della luministica.

Come sopra accennato, trattasi di un trittico, ma la stesura pittorica è sviluppata in maniera eccezionalmente originale per quel periodo, come se si illustrasse una sola scena in un particolare momento – con assenza cioè di alcuna soluzione di continuità – armonizzata in una stanza ricoperta da tre volte ricalcanti la forma fisica del supporto, con due pilastri che fungono da bordi di separazione dei tre riquadri.

Le figure dei tre scomparti, isolate e ben descritte in un’efficace dilatazione spaziale grazie alle luminose variazioni cromatiche sulle vesti colorate che le coprono, si presentano con la stessa solennità di quelle giottesche, ma l’accurata attenzione al particolare e l’atmosfera quotidiana sembrano però richiamare la pittura delle miniature transalpine dello stesso periodo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *