Il Soffitto dei Semidei di Pinturicchio (Pintoricchio)

Pinturicchio

Pinturicchio: Il Soffitto dei Semidei
Il Soffitto dei Semidei, Palazzo dei Penitenzieri, Roma.

Opera successiva

Sull’opera: Il Soffitto dei Semidei è un’opera di Pinturicchio conservata in un salone situato nell’ala destra del palazzo dei Penitenzieri a Roma. Collocabile intorno al 1490, trattasi di 63 lacunari lignei a forma ottagonale, dorati e dipinti su un finto sfondo di mosaici d’oro con altrettante figure, mitologiche ed allegoriche, realizzate su carta ed applicate sul legno.

Negli anni ottanta del Quattrocento l’artista, poco più che trentenne e da poco affrancatosi dai suoi maestri, lavorò per il cardinale Domenico Della Rovere, proprietario del Palazzo dei Penitenzieri, per il quale realizzò un ciclo di affreschi che comprendeva, per l’appunto, anche il presente soffitto.

La grandissima varietà di spunti iconografici, il gusto per l’antico e l’attenzione verso ogni particolare sono qui integrati con la capacità del vero miniatore, tipica del Pinturicchio. Le raffigurazioni della presente decorazione sono costituite da svariate specie di creature, alcune mitologiche e altre fantastiche, ispirate probabilmente ai bestiari e ai testi monstruorum medievali. In esse vi compaiono moltissime figure dal corpo ibrido, identificabili in tritoni, sfingi, sirene, satiri, centauri, che affiancati l’uno all’altro costituiscono, per l’appunto, l’assieme del “semidei”. I soggetti del complesso pittorico, prettamente profani, alludono a vari principi filosofici e morali: si pensa che fossero stati suggeriti dagli stessi letterati umanistici di ambienti assai prossimi al cardinale.

Alcuni lacunari:

La Fortuna
La Fortuna
Sirena che allatta
Sirena che allatta
Ittiocentauro armato

Ittiocentauro armato

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *