"Natività Allendale" del Giorgione

Giorgione

Giorgione: Natività allendale
Natività Allendale, cm. 89 x 111,5 National Gallery di Washington.

Al secondo elenco opere del Giorgione

        Sull’opera: “Natività Allendale”, o “Adorazione Beaumont”, o “L’adorazione dei pastori”, è un dipinto autografo del Giorgione, realizzato con tecnica ad olio  su tavola, presumibilmente intorno al 1505, misura 89 x 111,5 cm. ed è custodito nella National Gallery di Washington.

Anche in questa tavola, come in quella raffigurata nella pagina precedente (Adorazione dei Magi), i personaggi della tradizione evangelica sono raffigurati all’esterno (qui, dinnanzi ad una grotta naturale) in una paesaggistica prettamente “veneta”, dove non mancano armoniosi effetti luministici del tipo crepuscolare. Alcune piccole figure si intravedono nel fondo, come quella assisa dinnanzi alla grande entrata di un edificio con un caratteristico tetto, o quella di un fanciullo che si diverte aggrappandosi al tronco dell’albero ubicato al centro, alle spalle del pastore in piedi.

Gli studiosi moderni di Storia dell’arte tendono ad identificare l’opera in esame nella “Notte” (“Nocte” di casa Beccare), citata da T. Albano in una missiva, del 7 novembre 1510, inviata ad Isabella Gonzaga, nella quale rispondeva alle richieste della marchesa circa la “Nocte” di un pittore morto da poco tempo, confermandone la morte (vedi sotto). Sembrerebbe, invece, che quell’opera sia appartenuta a Giovanni Grimani (il documento – ibid – indica anche che nel 1563 l’opera fu stimata 10 ducati da Paris Bordone), e che poi passò alle raccolte di Giacomo II d’Inghilterra (1633-1701). Cosa certa è che agli inizi dell’Ottocento la tavola si trovava a Roma presso il cardinale Fesch (Antoine Ricard, arcivescovo di Lione, 1763-1839), che lo vendette (1845) come opera autografa di Giorgione. Più tardi passò nella collezione Beaumont a Londra, poi nella raccolta del visconte Allendale (dal quale prese il titolo). Infine fu venduto a Duveen, il quale lo passò a S. H. Kress; questi lo fece pervenire, in donazione, alla National Gallery di Washington. L’attribuzione al Giorgione, che in seguito si trasformò in autografia, ha sempre trovato l’accordo quasi universale fra gli studiosi. Le opere della serie Allendale si evidenziano per la morbidezza della stesura coloristica, riferita soprattutto a nuovissime valenze atmosferiche, perseguita con armoniosi effetti di luce-ombra che non hanno certamente bisogno della definizione del tratto. Ma è soprattutto la freschezza compositiva a caratterizzare queste meravigliose opere.

La lettera della marchesa Isabella d’Este, inviata a Taddeo Albano il 25 ottobre 1510:

“Sp. Amice noster Charissime:
“Intendemo che in le cose et heredità de Zorzo da Castel-francho picìore se ritrova una pictura de una nocte, molto bella et singolare: quando cossi fusse, desideraressimo riaverla, però vi pregamo che voliati essere cum Lorenzo da Pavia et qualche altro che habbi judicio et designo, et vedere se l’è cosa exellente, et trovando de si operiati il megio; del m.co m. Carlo Valerio, nostro compatre charissimo, et de chi altro vi parerà per apostar questa pictura per noi, intendendo il pre-cio et dandone aviso. Et quanto vi paresse de concludere il mercato, essendo cosa bona, per dubio fion fusse levata da altri, fati quel che ve parerà: che ne rendemo certe fareti cum ogni avantagio e fede et cum bona consulta …     “Mantue XXV oct. MDX” (A. Luzio, “Archivio storico dell’arte” 1888)

La lettera con la risposta di Taddeo Albano, inviata alla marchesa Isabella d’Este il 7 novembre 1510:

“Ill.ma et Exc.ma M.a mia obser.ma.
‘Ho inteso quanto mi scrive la Ex. V. per una sua de XXV del passetto, facendome intender haver inteso ritrovarsi in le cosse et eredità del q. Zorzo de Castelfrancho una pictura de una notte, molto bella et singulare; che essendo cossi si deba veder de haverla. A che rispondo a V. Ex. che ditto Zorzo morì più di fanno da peste, et per voler servir quella ho parlato curo alcuni miei amizi, che riavevano grandissima praticha curn lui, quali mi affirmano non esser in ditta heredità tal pictura. Ben è vero che ditto Zorzo ne feze una a m. Thadeo Contarini, qual per la informatione ho autta non è molto perfecta sichondo vorebe quella. Un’altra pictura de la nocte feze ditto Zorzo a uno Victorio Becharo, qual per quanto intendo è de meglior desegnio et meglio finita che non è quella del Contarini. Ma esso Becharo al presente non si atrova in questa terra, et sichondo m’è stato afirmatto ne l’una ne l’altra non sono da vendere per pretio nesuno, però che li hanno fatte fare per volerle godere per loro: si che mi doglio non poter satisfar al dexiderio de quella …     “Veneliis VII novembris 1510” (A. Luzio, “Archivio storico dell’arte” 1888).

Natività di altri Grandi Maestri.

Natività allendale - Particolare dello sfondo paesaggistico sulla sinistra
Particolare dello sfondo paesaggistico sulla sinistra
15 Giorgione - Natività allendale - sfondo paesaggistico sulla zona centrale
Particolare dello sfondo paesaggistico sulla zona centrale della tavola
Natività allendale - Particolare della Madonna con San Giuseppe

Particolare della Madonna con San Giuseppe




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *