"Predella di Quarata" di Paolo Uccello

Paolo Uccello

Paolo Uccello: Predella di Quarata
Predella di Quarata – Adorazione dei magi, cm. 20 x 70, Museo diocesano di Santo Stefano al Ponte a Firenze.

Opera successiva

Sull’opera: La “Predella di Quarata” è costituita da tre tempere su tavola (San Giovanni a Patmos, l’Adorazione dei Magi e i Santi Giacomo ed Ansano) prevalentemente attribuite a Paolo Uccello, realizzate intorno al 1435-40, le cui misure sono rispettivamente 20,5 x 41 – 20 x 70 – 20,5 x 41. Il piccolo complesso pittorico è custodito nel Museo diocesano di Santo Stefano al Ponte a Firenze. 

 La “Predella di Quarata” faceva parte di una pala di altare, andata perduta, che si trovava nella chiesa di San Bartolomeo, per l’appunto, a Quarata, presso Firenze: si trova attualmente nel Museo diocesano di Santo Stefano al Ponte.

 È costituita da tre tavole dove sono raffigurati: San Giovanni a Patmos , l’Adorazione dei Magi ed i Santi Giacomo e Ansano. La terna pittorica, che in precedenza era riferita dal Carrocci [“I dintorni di Firenze”, 1907] alla scuola di Beato Angelico, venne pubblicata dal Marangoni [“D” 1932] come lavoro giovanile di Paolo, riferibile intorno al periodo 1426-32. Tale assegnazione fu subito riconosciuta da Malkiel-Jirmounsky [“GBA” 1932] e quindi dal Serra [“BA” 1933], Paatz [1934 e Ragghianti [1938]. Sempre riguardo la cronologia, Boeck [1939] e Longhi (1940-41) la datano intorno al 1460, assai vicina alla Caccia dell’Ashmolean Museum di Oxford e alla predella del “Miracolo dell’ostia profanata”.

San Giovanni a Patmos
San Giovanni a Patmos, cm. 20,5 x 41.
L'Adorazione dei Magi
L’Adorazione dei Magi, cm. 20 x 70.
I santi Giacomo e Ansano

I santi Giacomo e Ansano, cm. 20,5 x 41.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *