Particolare della Creazione degli astri nella Cappella Sistina di Michelangelo

Michelangelo Buonarroti

la creazione degli astri
Volta della Cappella Sistina, particolare della Creazione degli astri, anno 1511, 280 x 570 cm. Vaticano.

serie opere n° 2

LA CREAZIONE DEGLI ASTRI

E Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto…» E così avvenne (Genesi 1,11)… Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: terzo giorno. (Genesi 1,13)…Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. (Genesi 1,16)…E Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno.(Genesi 1,19)

La maggior parte della critica moderna si orienta sulla tesi del Condivi, secondo la quale la doppia presenza del Creatore (frontale e in scorcio di spalle) è in relazione al contemperarsi  della terza e quarta giornata della Creazione: Dio che troneggia, crea il sole e la luna con la sola indicazione delle dita: il primo con la destra, la seconda con la sinistra. Qualche studioso vi ha letto anche qualcosa come il Caos in fuga, o la Notte, o altre svariate altre cose ancora. Anche i putti presenti nella composizione sono stati oggetto delle più svariate interpretazioni esoteriche.

Sulla parte sinistra vediamo il Creatore, ripreso in scorcio e di spalle, che protende il braccio in direzione di un cespuglio, simboleggiante il mondo vegetale.

Anche questo dipinto ha una profonda crepa che lo percorre percorre (sotto il sole).

Michelangelo - Volta della Cappella Sistina, particolare della Creazione degli astri
Si osservi la profonda crepa che lo percorre percorre (sotto il sole e prende in pieno un volto).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *