Cappella Tornabuoni: "Sposalizio della Vergine" di Domenico Ghirlandaio

Domenico Ghirlandaio

Domenico Ghirlandaio: A4: Sposalizio della Vergine
Affreschi della Cappella Tornabuoni: “Sposalizio della Vergine”, Santa Maria Novella, Firenze.

Ritorna all’elenco opere di Domenico Ghirlandaio

Sull’opera: “Sposalizio della Vergine” è un dipinto di Domenico Ghirlandaio, appartenente al ciclo degli “Affreschi della Cappella Tornabuoni” in Santa Maria Novella a Firenze, realizzato intorno al 1485-90. 

Secondo affresco sulla fascia media della parete di sinistra.

Anche la presente composizione, come quelle precedenti, è ambientata in un’architettura classicheggiante, con un cortile in fondo al quale appaiono nicchie dalle volte a botte e lacunari.

 La scena dello “Sposalizio della Vergine” viene qui narrata in modo alquanto tradizionale, con una minima integrazione di figure ed oggetti di sfondo. Al centro appare il sacerdote del Tempio (lo stesso, questa volta ripreso quasi frontalmente, della scena della “Presentazione della Vergine”) che celebra il matrimonio tra Giuseppe e Maria,appoggiando le mani sulle loro braccia mentre avviene lo scambio degli anelli. Sulla sinistra, un gruppo di giovani donne in corteo, tra cui spiccano alcuni elegantissimi ritratti, e diversi uomini in ordine sparso a destra degli sposi. Gli uomini sono visibilmente irritati perché non sono stati scelti – a causa dei loro sfioriti bastoni – per sposare Maria, per cui alcuni cercano di spezzare la propria asta di legno mentre altri sono in atteggiamento di protesta. Sullo sfondo compaiono due suonatori (uno di flauto, l’altro di tamburo) che apportano una nota colorita [Razeto, cit., pag. 97].

Anche qui, come negli altri riquadri, la variazione cromatica risulta di grande effetto e conferisce una naturalistica luminosità, provenente dall’alto (e da destra).

Di questo riquadro esiste un disegno preparatorio, eseguito ad inchiostro su carta, che è custodito presso il Gabinetto dei Disegni e Stampe alla Galleria degli Uffizi, ove non appare però  l’alto prelato (figura centrale).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *