L’Eterno con profeti e sibille del Perugino

Il Perugino: Ornamentazione del Cambio

Il Perugino: Ornamentazione del Cambio l'Eterno con profeti e sibille
l’Eterno con profeti e sibille (affresco autografo), cm. 229 x 370.

Ritorna all’elenco opere del Perugino

Sull’opera: “l’Eterno con profeti e sibille” è un affresco autografo di Pietro Vannucci detto il Perugino, appartenente al ciclo della “Ornamentazione del Cambio”, realizzato  nel 1500,  misura 229 x 370 cm. ed è custodito nel Collegio del Cambio a Perugia.

Senza ombra di dubbio, i personaggi identificati nella presente composizione sono esattamente quelli che il Perugino – sotto suggerimento del Maturanzio – ha voluto inserire nel contesto: infatti  ogni figura reca il proprio nome nella zona sotto i piedi; inoltre, eccetto il profeta Geremia, ognuno reca un cartiglio con frasi scritte che gli sono state tradizionalmente attribuite. Da sinistra verso destra, sotto i profeti, si leggono le scritte: ISAIAS (Isaia), MOSES (Mosè), DANIEL (Daniele), DAVID (Davide),HIEREMIAS (Geremia) e SALOMON (Salomone), quindi, le sibille ERITREA (Eritrea), PERSICA (Persica), CVMANA (Cumana), LIBICA (Libica), TIBVRTINA (Tiburtina) e DELFICA (Delfica). Il cartiglio di Isaia porta la scritta “EGCE VIRGO COCIPIE (?) (Ecco la Vergine che concepirà (?)); quello di Mosè “ORIETVR (?] / STELLA EX IAC …” (Sorgerà (?) la stella da …); quello di Davide, “VIRTVS DE TERRA / OPTA / EST” (La virtù è sorta dalla terra), quello di Salomone “INFIRMATVS [?] ES” (è stato indebolito); Eritrea, “OMNIA VERBO / AGENS” (Colui (?) che fa tutto con la parola); Persica, “FLVC” (variamente interpretata: probabilmente:  Verrà la luce), Tiburtina, “QVINQVE / PANIBVS SIMVL” (Con cinque pani insieme); Delfica, “IVDICABIT MOR/ TVOS” (Giudicherà i morti).

Sull’autografia del Perugino, gli studiosi di Storia dell’arte si sono sempre espressi a favore dell’artista, salvo qualche sporadica – seppur autorevole voce – che attribuisce alcune zone particolarmente “elette” a Raffaello Sanzio: il Lancellotti (sec. XVII), ad esempio, ricorda l’artista urbinate intento a “rabescare la vòlta, e fare con poche hore, con meraviglia del maestro (Vannucci) stesso, la testa del Cristo trasfigurato (La Trasfigurazione)”. Comunque, nel comparto in esame, di qualità particolarmente “eletta” è l’intera struttura compositiva, oltre la magnifica stesura pittorica. Altri studiosi identificarono il Sanzio nella figura del Daniele. Più verosimile, ma sempre respinta dalla maggior parte dei critici – tra i quali, il Cavalcaselle – l’ipotesi di una partecipazione di Andrea da Assisi (Adolfo Venturi).

La tecnica impiegata è quella dell’affresco. Le lumeggiature eseguite sulle vesti degli angeli intorno all’Eterno, i nastri rossi, i cherubini, i cartigli e l’azzurro del cielo sono realizzati con l’impiego della tempera magra. Il cielo stesso sembra completamente ridipinto, soprattutto in prossimità della sibilla Persica.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *