"L’odalisca con schiava" di Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres

Jean-Auguste-Dominique Ingres: L'odalisca con schiava
L’odalisca con schiava, cm. 72 x 100, Walters art Gallery, Baltimora (foto da Wikimedia Common).

Opera successiva

Sull’opera: “L’odalisca con schiava” è un dipinto autografo di Ingres realizzato con tecnica a olio su tela nel 1832, misura 72 x 100 cm. ed è custodito nella Walters art Gallery a Baltimora. 

 La presente composizione, datata e firmata con la scritta “J. Ingres, Rom, 1839”, fu commissionata da Marcotte, amico dell’artista, presso la cui famiglia – sia pure in seguito a vendite e riacquisti – restò fino all’anno 1875.

Il dipinto, dopo diversi passaggi di proprietà pervenne, tramite il lascito Winthrop (1943) alla Walters art Gallery di Baltimora, l’attuale sede. Si evidenzia con certezza un ulteriore sviluppo figurale del “Nudo di donna assopita” (conosciuta anche come “La dormiente di Napoli”), un tema realizzato in più versioni, qualcuna andata perduta, altre in musei e collezioni private. Sempre riguardo alla tematica, orientaleggiante e romantica allo stesso tempo, l’idea di inserirla nella presente composizione fu dettata certamente dal periodo in atto.

Per quanto concerne l’aspetto puramente iconografico, secondo una ricerca svolta da King (“JWG” 1942), per il nudo non risultano particolari riferimenti al di là di quello della “Dormiente di Napoli”: infatti in una lettera di Ingres a Gatteaux datata 7. 12. 1840, si legge che la composizione deriva da “dessins” (disegni, probabilmente, della Dormiente), impiegati “en l’absence du modèle vivant” (in assenza di un modello vivo). L’ambientazione potrebbe invece, secondo Ternois (“C”, 1967), essere stata tratta da miniature orientali, per lo più persiane, e da iconografia turca. Tuttavia l’aspetto d’insieme appare certamente “occidentalizzato”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *