La Doppia tavola di Tauberbischofsheim di Matthias Grünewald

Matthias Grünewald: La Doppia tavola di Tauberbischofsheim

Matthias Grünewald: La Doppia tavola di Tauberbischofsheim - La Crocifissione, cm. 193 x 151
Matthias Grünewald: La Doppia tavola di Tauberbischofsheim – La Crocifissione, cm. 193 x 151, nella doppia tavola di Tauberbischofsheim, Staatliche Kunsthalle, Karlsruhe.
Il trasporto della croce, cm. 193 x 151
Il trasporto della croce, cm. 193 x 151, nella doppia tavola di Tauberbischofsheim, Staatliche Kunsthalle, Karlsruhe.

Sull’opera: La “Doppia tavola di Tauberbischofsheim” è costituita da due dipinti autografi di Matthias Grünewald realizzati con tecnica a olio nel 1523-24, misura 193 x 151 cm. ed è custodita nella Staatliche Kunsthalle a Karlsruhe. 

La tavola in esame ha le pregiate stesure pittoriche in entrambe le facciate: da un lato è dipinta la “Crocifissione”; dall’altro, “Il Trasporto della croce”.

Purtroppo non esistono le prime documentazioni e, quindi, non si possono ipotizzare configurazioni, sia per quanto riguarda la committenza e l’ubicazione originaria, sia per come il supporto si presentava in origine.

Le supposizioni, comunque, non mancarono: alcuni studiosi di storia dell’arte avanzarono l’ipotesi che fosse stata commissionata dallo stesso parroco (Friedrich Virenkorn) della già demolita – 1664, ma successivamente riedificata – chiesa di Tauberbischofsheim, per la decorazione della cappella della Santa Croce (la seconda verso il lato a settentrione). La stessa chiesa fu fondata nel 1493 e, il presupposto commissionario, volle dotare di benefici nel 1505 e 1515.

Dal momento che l’opera  ha due facce dipinte, gli esperti hanno pensato che fosse fissata maniera tale alla parete in modo da poter venire ruotata su fulcri a cerniera, ed apparire così integralmente godibile. Oppure, che addirittura si trovasse sulla trave dell’arco trionfale della chiesa, in modo che la si potesse ammirare sia dalla navata che dal presbiterio.

Altra ipotesi, ma assai meno verosimile per le ampie dimensioni, è quella che facesse parte di uno scomparto laterale di un altare.

La tavola in precedenza era attribuita al Dürer, e soltanto verso la fine dell’Ottocento fu riconosciuta come opera autografa di Grünewald.

Per quanto riguarda la cronologia, la doppia tavola viene pressoché unanimemente inserita dai critici di storia dell’arte tra gli anni 1523 e 1524. Si scostano da tale datazione Schönberger che la anticipa, inverosimilmente, al 1515-17, e Schmid che la ritarda ad oltre il 1527, in base all’iscrizione biblica nella stesura del “Trasporto della croce”, che risulta essere assai vicina alla scritta corrispondente della traduzione luterana che apparve, per l’appunto, nel 1527. Pensando che tale data appartiene al periodo più inquieto dell’esistenza di Grünewald, tra Francoforte e Halle, possiamo benissimo ignorare quest’ultima ipotesi.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.