La Libreria Piccolomini di Pinturicchio

Pinturicchio

Pinturicchio: La Libreria Piccolomini
Sopra: La Libreria con la visione delle Tre Grazie, la scultura di un’antica copia romana di un originale ellenistico del IV-II secolo a.C. di proprietà del cardinale Francesco Todeschini Piccolomini.

Opera successiva

Descrizione e storia dell’opera

La Libreria Piccolomini è uno spazio monumentale all’interno della cattedrale di Siena, ubicato lungo la navata di sinistra, prima incontrare il transetto.

Venne fatto edificare nel 1492 dal cardinale Francesco Piccolomini Todeschini (futuro papa Pio III), a quel tempo arcivescovo di Siena, per la conservazione del consistente patrimonio librario, mai pervenuto, di suo zio, papa Pio II.

Tra il 1502 e il 1507 circa, su richiesta dello stesso cardinale, fu decorata in tutto il suo complesso da Pinturicchio e aiuti, di bottega ed esterni, tra i quali Raffaello Sanzio ed il bolognese Amico Aspertini (Bologna, 1474 circa – Bologna, 1552) [Acidini, cit., pag. 217].

Il contratto

Il contratto è datato 29 giugno 1502 e la prima fase dei lavori, con la volta e la griglia architettonica alle pareti, doveva essere completata entro il 1503.

In tale anno il committente svolse il suo brevissimo pontificato come Pio III (elezione, 22 settembre – insediamento, 8 settembre – morte, 18 ottobre) e in quelle decorazioni appare il suo stemma con ancora il cappello da cardinale.

Nel contratto si richiedeva anche la decorazione di due grandi vetrate. La prematura morte del papa bloccò di fatto i lavori del Pinturicchio che dovette dedicarsi a soddisfare altre committenze, sempre relative all’ambiente senese, nell’attesa di uno sviluppo futuro della situazione.

Soltanto intorno al 1505 – alcuni studiosi parlano di un nuovo contratto di cui, però, non esiste traccia – i lavori alla Libreria furono ripresi e portati a termine in circa due anni. Lo testimonierebbe il fatto che nel 1507 Pinturicchio incominciò ad accettare altri incarichi provenienti dalle sue terre pur soggiornando a Siena, segno evidente di un’imminente consegna del grandioso ciclo di affreschi.

La collaborazione

Tra i numerosi aiuti impiegati nella decorazione si pensa al giovane Raffaello e Amico Aspertini (Bologna, 1474 circa – Bologna, 1552, due grandi pittori che testimoniano la rilevanza dell’impresa. Anche nel disegno il maestro si avvalse, secondo il Vasari, dell’aiuto di un giovane “della scola di Pietro [Perugino]”: evidente il riferimento a Raffaello Sanzio.

La decorazione della Libreria è considerata dalla critica come uno dei massimi capolavori rinascimentali della nostra penisola agli albori del Cinquecento [Acidini, cit., pag. 217].

Gli affreschi della Libreria

Libreria Piccolomini

Libreria Piccolomini.

Stemma Piccolomini sulla volta

Stemma Piccolomini sulla volta.

La decorazione della volta

La decorazione della volta.

Enea Silvio, vescovo di Siena, presenta Eleonora d'Aragona all'imperatore Federico III,

Enea Silvio, vescovo di Siena, presenta Eleonora d’Aragona all’imperatore Federico III, dettaglio con veduta della città di Siena.

Enea Silvio Piccolomini parte per il concilio di Basilea

Enea Silvio Piccolomini parte per il concilio di Basilea.

Enea Silvio ambasciatore alla corte di Scozia

Enea Silvio ambasciatore alla corte di Scozia.

Enea Silvio incoronato poeta dal'imperatore Federico III

Enea Silvio incoronato poeta dal’imperatore Federico III.

Enea Silvio fa atto di sottomissione a Eugenio IV

Enea Silvio fa atto di sottomissione a Eugenio IV.

Enea Silvio, vescovo di Siena, presenta Eleonora d'Aragona all'imperatore Federico III

Enea Silvio, vescovo di Siena, presenta Eleonora d’Aragona all’imperatore Federico III.

Enea Silvio riceve il cappello cardinalizio

Enea Silvio riceve il cappello cardinalizio.

Pio II, incoronato pontefice, entra in Vaticano

Pio II, incoronato pontefice, entra in Vaticano.

Pio II convoca il concilio di Mantova

Pio II convoca il concilio di Mantova.

Pio II canonizza santa Caterina da Siena

Pio II canonizza santa Caterina da Siena.

Pio II giunge ad Ancona per dare inizio alla crociata

Pio II giunge ad Ancona per dare inizio alla crociata.

Le tre grazie

Le tre grazie. La scultura, ubicata al centro della libreria, è un’antica copia romana di un originale ellenistico del IV-II secolo a.C., di proprietà del cardinale Francesco Todeschini Piccolomini.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *