"Le tre Marie al sepolcro" di Hubert van Eyck

Hubert van Eyck: Le tre Marie al sepolcro

Jan van Eyck: Le tre Marie al sepolcro.
Le tre Marie al sepolcro, olio su tavola, cm.  71,5 x 89, Museum Boymans Van Beuningen, Rotterdam.

Sull’opera: “Le tre Marie al sepolcro” è un dipinto Hubert van Eyck (fratello Jan van Eyck), realizzato con tecnica a olio su tavola, misura 71,5 x 89 cm. ed è custodito nel Museum Boymans Van Beuningen a Rotterdam.

Sul margine destro della presente composizione sono dipinti vari raggi di origine misteriosa che indussero gli esperti a riflettere sul fatto che la raffigurazione fosse più estesa di come attualmente si presenta: forse appartenente ad un polittico, di cui le Tre Marie avrebbero rappresentato il pannello principale.

 La provenienza del dipinto è stata studiata e ricostruita nel 1908 dal Weale. Secondo lo studioso, nella seconda metà del Settecento esso faceva parte della collezione J. Wynckelman, dalla cui vendita, svoltasi a Bruges il 4 maggio 1770, passò a B. Bauwens. La vendita dei beni di quest’ultimo avvenne l’8 agosto 1826. Più tardi si trovava nella raccolta W. Middleton alla cui morte passò – tramite una vendita presso Christie di Londra, il 25 gennaio 1873 – al prezzo di 355 sterline ad una collezione, e poi ad altre ancora, tutte inglesi. Dopo di queste, per molto tempo, appartenne alla celebre nota raccolta Cook a Richmond, fino a che non fu venduta a D. G. van Beuningen, un noto collezionista olandese. Al Museo Boymans pervenne nel 1958.

La tavola in esame secondo gli esperti non lega bene con la produzione di Jan van Eyck e quindi si pensa sia da attribuire al fratello Hubert. Concordano molti esponenti della critica, tra i quali ricordiamo Seeck [Die charakteristischen Unterschiede der Brüder van Eyck, Berlin 1890], Hulin de Loo [“ASPPH” 1902], Panofsky [“AB” 1935], Beenken [1941], Baldass [1952] ed altri. Il Tolnay [1939] si pronunciò sostenendo l’ipotesi di un’antica riproduzione  da Hubert van Eyck [cfr., inoltre, W. Schöne. “ZK” [1954].




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *