"La mattina" di William Hogarth

William Hogarth

William Hogarth: Il matrimonio alla moda - La mattina
La mattina, cm. cm. 68,5 x 89, National Gallery di Londra.

Ritorna al ciclo de “Il matrimonio alla moda”

Sull’opera: “La mattina” è un dipinto autografo di William Hogarth, appartenente al ciclo “Matrimonio alla moda”, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1744, misura 68,5 x 89 cm. ed è custodito nella National Gallery di Londra. 

Il dipinto è conosciuto anche con il titolo “Poco tempo dopo”.

La scena si svolge in un salotto nella nuova casa degli sposi, sullo stile del soggiorno di H. Walpole in Arlington Street.

Il marito, appena rientrato da una sfrenata nottata di baldoria, siede visibilmente avvilito a lato del caminetto; da una tasca sinistra gli pende una piccola cuffia bianca, con la quale il cagnolino sta giocando. Nel pavimento, accanto al suo piede sinistro, lo spadino spezzato. Secondo alcuni studiosi di allora, posò Francis Hayman (1708 – 1776), amico e allievo dell’artista Hogarth, divenuto poi un celebre pittore.

Al lato destro del caminetto, la moglie con in mano un piccolo specchio – a fianco al tavolo già apparecchiato per la prima colazione –  si sta stirando, guardando di bieco lo stanco consorte; ai suoi piedi, un libro aperto con la scritta: “Hoyle / on Whist” (trattasi del trattato ‘breve’ di Whist, edito da E. Hoyle nel 1742), e, sotto il grande arco (ai piedi delle colonne), è sparso un mazzo di carte da gioco.

Nella zona di sinistra, in primo piano, due violini in rigidi contenitori e uno spartito. Nel fondo, un servitore che sistema le sedie ed i tavoli da gioco: elementi che potrebbero alludere ai poco virtuosi valori della giovane padrona di casa, durante la notte appena passata.

Sulla sinistra appare il maggiordomo in atto di uscire, con in mano un mazzo di fogli (certamente conti, dei quali soltanto uno è stato saldato: “Recd June 4, 1744″); reca sottobraccio il “libro mastro” (“Ledger”) ed ha in tasca una copia del celebre sermone metodista, “Regeneration”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *