"Paesaggio con Piramo e Tisbe" di Nicolas Poussin

Nicolas  Poussin

Nicolas Poussin: Paesaggio con Piramo e Tisbe
Paesaggio con Piramo e Tisbe, cm. 192,5 x 273,5, Städelsches Kunstinstitut, Francoforte sul Meno.

Opera successiva

Sull’opera: “Paesaggio con Piramo e Tisbe” è un dipinto autografo di Nicolas Poussin, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1651, misura 192,5 x 273,5 cm. ed è custodito nello Städelsches Kunstinstitut a Francoforte sul Meno. 

Questa tela fu dipinta su commissione di Cassiano dal Pozzo (1588 – 1657), il famoso alchimista, medico, letterato, archeologo e botanico. Il Bellori la descrisse dettagliatamente, mentre  Vivares e Chatelin, nel 1769, la incisero.

 Di questo paesaggio non si è saputo più nulla e fu considerato a lungo perduto (in particolare da Grauloff nel 1914). La presente versione, che pervenne nel museo – tramite acquisto – nel 1931, è stata volutamente trascurata dagli esegeti dell’artista e più volte messa in dubbio l’autografia. Oggi siamo certi che invece si tratta di un’opera originale, eccezionale per le dimensioni, per la tematica e per l’altissimo pregio pittorico.

Ritornando al tema stesso, tratto da Ovidio (Metamorfosi, IV, 55 sgg.), il pittore riprende Tisbe nel momento della scoperta del cadavere di Piramo, il quale, avendola pensata dilaniata da un leone, a sua volta si era ucciso; un episodio teatrale, molto famoso e di sovente trattato da artisti e letterati, ma che Poussin lo inserisce in un contesto paesaggistico assai turbinoso, dove lo sconvolgimento della natura ben si armonizza con il dramma della passione umana.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *