Ercole e Deianira di Guido Reni

Guido Reni

Ercole e Deianira
Ercole e Deianira, cm. 259 x 193, Louvre Parigi.

Sull’opera: “Ercole e Deianira”, o “Ercole al fiume”, o “Nesso rapisce Deianira“, è un dipinto autografo di Guido Reni realizzato con tecnica ad olio su tela nel 1621, misura 259 x 193 cm. ed è custodito a a Parigi nel Museo del Louvre. Esiste un’altra versione che misura 257 x 195 custodita a Praga nella Galleria del Castello (foto in bianco e nero).

Opera a colori (sopra): Sullo sfondo, collocato sull’estrema destra, si intravede Ercole che sta inseguendo il centauro. La tela è stata presentata dalla critica come una veemente variante della tranquilla Atalanta e Ippomene, alla quale viene avvicinata per lo stesso gusto e per la stessa “ricerca della bellezza antica, in un accordo nuovo tra arte e natura”  come scrisse il Cavalli nel 1954. Agli Uffizi di Firenze viene custodito il disegno per lo studio della figura di Deianira.

Opera in bianco e nero (sotto): Della versione, realizzata sulla tela dalle dimensioni di 257 X 195 cm. ed attualmente custodita a Praga nella Galleria del Castello, si conoscono documentazioni sin dal 1685. Secondo Neumann (nel catalogo del 1967), l’opera, nonostante il pessimo stato di conservazione, risultò senza ombra di dubbio autografa – a tutti gli effetti – dopo lo scrupoloso restauro effettuato anni addietro; la cronologia presupposta è certamente posteriore a quella della versione custodita nel Museo del Louvre.

Ercole e Deianira, cm. 257 x 195, Galleria del Castello, Praga
Ercole e Deianira, cm. 257 x 195, Galleria del Castello, Praga.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *