"Laura" del Giorgione

Giorgione

Giorgione: Laura
Laura, cm. 33,5 Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Al secondo elenco opere del Giorgione

        Sull’opera: “Laura”, o “Ritratto di giovane donna” è un dipinto autografo del Giorgione, realizzato con tecnica ad olio su tela (attualmente applicata su tavola) nel 1506, misura 41 x 33,5 cm. ed è custodito nel Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Nella tela in esame, quello che più di ogni cosa risalta agli occhi dell’osservatore è la misteriosa espressione della donna – probabilmente una cortigiana – sotto le sembianze di Dafne, oppure una poetessa;  secondo il Ritcher (1937), l’alloro che la circonda si riferisce alla sua incoronazione e costituisce anche l’augurio che questa avvenga. Sono state avanzate anche altre ipotesi, come quella che si trattasse d’una ragazza di nome Laura, che molto probabilmente posò per il Giorgione nella realizzazione della Tempesta.

L’opera viene citata per la prima volta nel 1659, anno in cui apparteneva all’arciduca Guglielmo Leopoldo, a Bruxelles, come dipinto d’autore sconosciuto. Più tardi fu assegnato, in maniera generica, alla “Scuola veneziana”, quindi a Girolamo di Romano detto il Romanino (fonte, Engerth, 1882) ed al Boccaccio Boccaccino (fonte, Adolfo Venturi). Sempre nello stesso anno, il Dollmayr scoprì sul retro della tela la scritta: “1506 a dì primo zugno fo fatto questo de man de maistro Zorzi (Giorgione) de Chastel fr cholega de maistro Vizenzo Chaena (Catena) ad istanza de misser Giacomo …”. Nel 1908 lo Justi accoglieva il riferimento al Giorgione, ma con molte riserve, e l’ipotesi trovò la sottoscrizione dell’Hourticq [1930], quantunque qualche anno prima, nel 1927, l’autografia fosse ormai stata pienamente confermata dal Longhi. Da queste date in poi tutti gli studiosi, tranne il Ritcher che mantenne i suoi dubbi, si sono trovati in pieno accordo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *