"I dipinti della Cappella Peruzzi" di Giotto

Giotto

Giotto - La resurrezuine di Drusiana assieme
Sopra è raffigurata la “La resurrezione di Drusiana”, cm. 280 x 450, custodita nella Cappella Peruzzi in Santa Croce.

Ritorna al primo elenco opere di Giotto

        Sull’opera: “I dipinti della Cappella Peruzzi” appartengono ad un ciclo di dipinti di Giotto, realizzato in collaborazione con altri artisti, impiegando la tecnica a tempera su muro intorno al 1320 ed è custodito nella chiesa di Santa Croce a Firenze.

Gli affreschi rappresentati nella presente pagina:

La nascita di San Giovanni Battista 280 x 450 cm.

Il festino di Erode 280 x 450 cm.

San Giovanni Evangelista in Patmos 280 x 450 cm.

La resurrezione di Drusiana 280 x 450 cm.

La serie dei dipinti si trova nella cappella Peruzzi della chiesa di S. Croce a Firenze. Come quella della cappella Bardi, fu citata dal Ghiberti, dal Billi, dall’Anonimo Gaddiano e dal Vasari, i quali parlavano anche di altre due cappelle assegnate ai Tosinghi-Spinelli ed ai Giugni. L’intero ciclo “Peruzzi” fu completamente ricoperto nel Settecento (probabilmente nella seconda metà) da imbiancatura, che venne poi rimossa nel 1841. Purtroppo anche altri fattori, sempre dipendenti dall’incuria ed alla sprovvedutezza dell’uomo, hanno concorso ai vari danneggiamenti degli scomparti: nell’arco dei secoli hanno subito diverse rovinose infiltrazioni di umidità (Trecento e Quattrocento) e, nel 1965, l’inondazione dovuta al famoso alluvione che fece rigonfiare l’Arno in maniera spropositata (fonte: Tintori – Borsook, 1965]. Altro elemento, non meno importante, che ha contribuito al deperimento dell’intera opera, è la tecnica a “secco” adottata da Giotto.

Entrando nella cappella, sul lato sinistro sono raffigurati tre episodi della vita di San Giovanni Battista; di fronte ad essi, tre episodi di San Giovanni Evangelista, disposti, in ognuna delle pareti, in una lunetta (in alto) e due scomparti. Nella volta vi erano raffigurati i quattro simboli degli evangelisti, dei quali è rimasta soltanto qualche minima traccia; nel grande arco d’entrata sono collocate le figure dei profeti, mentre nella parete di fondo è rimasta ben poca pittura la quale lascia intravedere la mutilata figura dell’agnello apocalittico.

Altri particolari

45 Giotto - La nascita di San Giovanni part Battista
La nascita di San Giovanni Battista 280 x 450 cm, particolare cm. 30.
46 Giotto - Il festino di Erode part
47 Giotto - Il festino di Erode part
Il festino di Erode 280 x 450 cm, particolari, rispettivamente cm. 120 e 50.
48 Giotto - San Giovanni Evengelista in Patmos part
San Giovanni Evangelista in Patmos 280 x 450 cm, particolare, cm. 89
49 Giotto - La resurrezuine di Drusiana part
La resurrezione di Drusiana 280 x 450 cm, particolare cm. 47,5
50 Giotto - La resurrezuine di Drusiana part
La resurrezione di Drusiana 280 x 450 cm, particolare cm. 38,5
51 Giotto - La resurrezuine di Drusiana part
La resurrezione di Drusiana 280 x 450 cm, particolare cm. 106
52 Giotto - Motivo ornamentale part.jpg

Motivo ornamentale, particolare, cm. 31




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *