"Ninfa e Pastore" di Tiziano

Tiziano: Ninfa e Pastore

Tiziano: Ninfa e Pastore
Ninfa e Pastore, cm. 149,7 x 187, Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Al primo elenco opere di Tiziano

Sull’opera: “Ninfa e Pastore” è un dipinto autografo di Tiziano Vecellio, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1570, misura 149,7 x 187 cm. ed è custodito nel Kunsthistorisches Museum a Vienna.

L’opera in precedenza apparteneva – fino al 1636 – alla raccolta del veneziano Bartolomeo della Nave, di cui si conosce un ritratto realizzato dallo stesso Tiziano (“Triplice ritratto”, 84 x 68 cm., Institute of Arts di Detroit). Da documentazioni certe risulta che il dipinto, nel 1659, si trovava nelle collezioni dell’arciduca Leopoldo Guglielmo.

La posa e l’atteggiamento della ninfa richiama decisamente una figura dell’incisione di Giulio Campagnola tratta da una creazione giorgionesca.

Per quanto riguarda la cronologia, il Gronau (1904) ipotizza un periodo intorno al 1565 (non prima). Il Fischel gli assegna una datazione più tarda e più varia (fra il 1560 e il 1570). Il Tìetze (1950) identifica il dipinto con “Diana ed Endimione”, una delle tele donate dall’artista – nel 1568 – a Massimiliano II, ma realizzata intorno al biennio 1953-54 (periodo confermato dal Pallucchini)

Lo Jedlicka (“Werk” 1947) suppone che il dipinto subì mutilazioni in ambedue i lati, sinistra e destra. Dalla copia di Palma il Giovane (Museo Civico di Treviso), risulta confermata l’ipotesi sui tagli dello studioso.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *