Adorazione dei pastori di Guido Reni

Guido Reni

Adorazione dei pastori
Adorazione dei pastori, cm. 485 x 330, Certosa di San Martino Napoli (sotto i particolari).

Sull’opera: “Adorazione dei pastori è un dipinto autografo di Guido Reni realizzato con tecnica ad olio su tela nel 1640 – 1642, misura 485 x 330 cm. ed è custodito nella Certosa di San Martino a Napoli.

Il Malvasia nei suoi scritti, circa l’opera in esame, parla di due versioni con la stessa tematica, con piccole differenze, realizzate dal Reni nell’ultimo periodo della sua attività artistica.  La versione a colori rappresentata in questa pagina risultò pienamente autografa in seguito ad una accurata pulitura eseguita nel Novecento, che ha portato alla luce evidenti caratteristiche dell’artista della sua piena maturità, diversamente da quanto affermava il Malvasia che definiva entrambe le tele “abbozzate e imperfette”.

 Il Cavalli considera entrambe le opere come esemplari caratteristici del tardo stile di Guido Reni i cui tocchi, decisi e solidi evidenziano “un processo che ricorda, dall’esterno, quello di Tiziano vecchio”.

L’Adorazione dei pastori rappresentata in bianco e nero (foto in basso), è una tela di 480 X 321 cm. che apparteneva alla collezione Liechlonste a Vienna e più tardi a Vaduz. Probabilmente – secondo il Cavalli – realizzata prima dell’Adorazione di Napoli ma pur sempre appartenente allo stesso periodo stilistico dell’artista. Anche per questa versione c’è ampio accordo sull’autografia. L’opera è custodita alla National Gallery di Londra.

Un’altra tela di 100 X 100 (?), con una diversa struttura ma con lo stesso tema, si trova nel Museo Puskin di Mosca. Quest’opera risulta tradizionalmente attribuita al Reni e confermata dal Kurz nel 1937. Già dal 1779 apparteneva alla collezione Walpote che la cedette all’Ermitage, dove rimase esposta fino al 1924, anno in cui passò all’attuale sede.

Un ulteriore copia, una tela di 42 x 53 cm. si trova nei depositi della Pinacoteca di Brera a Milano, tradizionalmente attribuita a Luca Cambiaso, fu nel 1957 ascritta al Reni per lo stile tanto vicino all’Adorazione custodita a Napoli (Frabetti in “RCG” 1957).

Particolare n° 1 dell'Adorazione dei pastori
Particolare n° 1 dell’Adorazione dei pastori.
Particolare n° 2 dell'Adorazione dei pastori
Particolare n° 2 dell’Adorazione dei pastori. 
Particolare della Madonna con Bambino dell'Adorazione dei pastori
Particolare della Madonna con Bambino.

La versione di Londra

Adorazione dei pastori di Londra
Adorazione dei pastori di Londra.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *