Raffaello, La fornarina

Raffaello Sanzio

Raffaello Sanzio: La fornarina
La fornarina, 1518-19, Roma, Galleria Nazionale d’arte antica  (cm. 60).

Opera successiva

Sull’opera: “RITRATTO DI GIOVANE DONNA (La fornarina)” è un dipinto autografo di Raffaello realizzato con tecnica ad olio su tavola nel 1518 1519,  misura 85 x 60 cm. ed è custodito alla Galleria Nazionale d’arte antica, Roma.

Sul bracciale è visibile la scritta “Raphael Vrbinas”. Documentazioni attestano che il dipinto fu visto nell’abitazione  della contessa di Santafiora presso la cancelleria di Corasduz (1595). Più tardi passò alla famiglia romana dei Buoncompagni come ricorda Fabio Chigi nel 1618 nel Commentario alla vita di Agostino Chigi.  Nel 1642 la “Fornarina” divenne proprietà della famiglia Barberini. Nel tardo secolo scorso fu trasferita per un certo periodo nella Galleria Borghese. Attualmente si trova nella Galleria Nazionale d’arte antica di Roma. Nella donna raffigurata si scorge tradizionalmente una certa Margherita Luti, figlia di un fornaio ed amante di Raffaello.

 L’attribuzione al Sanzio fu suffragata da Passavant, Burckhardt e Cavalcaselle; di altra opinione furono il Morelli [1897], poi Berenson, Seidiitz, Gamba ed altri importanti studiosi che attribuirono l’opera in esame al suo più importante collaboratore, Giulio Romano, considerando la data di esecuzione dopo il 1520. Nel Novecento, a sostegno delle ipotesi che vedono Raffaello come il principale esecutore, vennero A. Venturi (1935),  Ortolani, Gronau, Pittaluga, Camesasca e Brizio. La cronologia in base a quanto sostenuto da Venturi, Ortolani …. dovrebbe aggirarsi intorno agli anni 1518-1519.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *