Cornienti Cherubino

(Pavia 25-3-1816 /  Bologna  1860)

Pagine correlate: Pittori lombardi A – F – Pittori Lombardi G – Z

Cherubino  Cornienti

Il Cornienti frequenta a Milano l’Accademia di Brera e, diventato ammiratore di Francesco Hayez, incomincia a seguire subito i corsi della sua scuola. La sensibilità cromatica dell’artista pavese si manifesta nella sua predilezione per i colori grigi, rosa, e azzurri dalle tonalità smorzate. Scrisse di lui Vespasiano Bignami: “…la naturalezza castigata della composizione e del disegno insieme con una vibrata colorazione d’ambiente che non erano comuni alla produzione pittorica che aveva sotto gli occhi…”.

In una sua opera giovanile, “Paolo Erizzo”, con l’originalità della sua pittura, il Cornienti, fa risaltare  ulteriormente il risoluto distacco dagli insegnamenti accademici.  

Restando nell’ambito dei quadri di matrice storica, si afferma la novità della sua arte che presenta una certa naturalezza nella composizione, un disegno libero con una prevalenza cromatica più calda ed equilibrata.

Nella sua pittura si riscontrano i segni di una raffinata sensibilità con ricerche di colore e di luce, che seppur in tono minore si rifanno all’opera luministica del Carnevali. Suoi sono: la “Strage degli innocenti” (Milano, Galleria d’Arte Moderna) e “Pietà” (Pavia, Museo Civico).

Appena quarantaquattrenne, la salute incominciò a decadergli rapidamente e, sebbene nominato professore all’Accademia di Bologna, morì quello stesso anno, 1860, prima di aver iniziato l’attività di insegnante.

Opere:

10 Cherubino Cornienti - Strage degli innocenti
Strage degli innocenti, anno 1855, cm. 44 x 34, Galleria d’Arte Moderna di Milano.11 Cherubino Cornienti - Pietà
Pietà, anno 1850, cm. 40 x 31, Museo Civico di Pavia.

Bibliografia:

  • “La pittura romantica in Lombardia” di C. Carrà in “L’Ambrosiano”, Milano, 1930.

  • Catalogo della mostra, a cura di U. Ojetti:Tranquillo Cremona e gli artisti lombardi del suo tempo”, Castello di Pavia, Milano 1938.

  • Catalogo della mostra, a cura di  G. Ballo: “La Milano del primo Romanticismo”, Milano 1969.

  • Catalogo asta Finarte n° 537 datato 18 marzo 1986, Milano 1986.

  • “Cherubino Cornienti. La pittura in Italia. L’Ottocento”, II, I.Marelli, Milano 1991.

  • “Cherubino Cornienti” di F. Mazzocca in “Musei e Gallerie di Milano”, Pinacoteca di Brera, Milano 1993.

  • Catalogo della mostra al Castello Visconteo di Pavia: “Cherubino Cornienti pittore (1816,1860)”, 1996, Diakronia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *