Danae di Klimt

Klimt

Klimt: Danae
Klimt: Danae, olio su tela, 77 x 83 cm. collezione privata, Graz.

Danaë è un’opera di Gustav Klimt realizzata con tecnica ad olio su tela nel 1907-08, misura 77 x 83 cm. ed è conservata in una collezione privata a Graz (altre fonti indicano Vienna).

Il soggetto rappresentato da Klimt nella presente composizione è tratto dalla mitologia degli antichi greci, dove un brano racconta che Zeus, trasformatosi in una pioggia dorata, fecondò Danae mentre ella dormiva.

Nel dipinto manca – cosa non consueta a Klimt – la struttura verticale a favore di un impianto compositivo a risoluzione ellittica: Danae, infatti, viene raffigurata in primo piano tutta raccolta e rannicchiata entro una forma ovale, che ricorda la posizione del feto nel ventre materno e quindi la fertilità universale.

Il viso di Danae comunica un sentimento di serenità e allo stesso tempo di estasi, con il corpo nella posizione fetale che esprime le stesse sensazioni del volto.

Nel dipinto pare che Danae dimentichi se stessa e che viva in una magica dimensione onirica che la porta ad identificarsi con la propria sessualità.

La figura della donna, in totale abbandono ai propri istinti, è circondata e riccamente ricoperta dai lunghissimi capelli, da un velo con ricami orientaleggianti e, sulla sinistra, dal simbolo dell’amplesso con Zeus: una pioggia d’oro. L’intero scroscio di pioggia pare guidato nella penetrazione della donna all’altezza del suo sesso. A ridosso di esso, sulla sinistra, spicca infatti il rettangolo eretto a bordi bianchi simboleggiante la maschilità.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *