Faruffini Federico

(Sesto San Giovanni 18-8- 1833  /  Perugia  15-12 1869)

Pagine correlate: Pittori lombardi A – F – Pittori Lombardi G – Z

Faruffini  Federico

Studiò a Bergamo con il Trecourt e poi a Venezia dove conobbe il Cremona. Trasferitosi a Milano, lavorò all’Accademia di Brera sotto il Bertini. Inquietamente, si dilettava a viaggiare; vagò da Milano a Genova, da Roma (insieme al Piccio) a Parigi e si recò anche in Grecia.

     Fondamentale fu il suo soggiorno veneziano, dove lo studio del Tiepolo, e in generale i coloristi veneti del Cinquecento, orientarono la sua pittura verso  toni accesi ed audaci accordi cromatici.

     Innovatore nello stile, nella scelta dei soggetti, rimase però molto legato alla tradizione accademica, come si può ammirare in “Canizza e Bordello” (Milano, Pinacoteca di Brera),  “Machiavelli e Cesare Borgia” (tela dalle grandi dimensioni premiata con una medaglia d’oro in un’esposizione di Parigi), “Tiziano e le  figlie”, “La giovinezza di Lorenzo il Magnifico” (Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna).

     Trovata ormai la sua maniera, l’artista si impegnò con fervore nella sua arte raggiungendo altissimi risultati. Le opere che sicuramente hanno consacrato la sua fama, oltre a quelli sopra  citati, sono da ricordare: “La morte di Ernesto Cairoli”, “La lettrice” (Milano, Galleria d’Arte Moderna),  “La gondola di Tiziano” Milano, Collezione privata), ”Romanza sul Ticino”(Milano, Collezione Privata), “Ponte Sant’Angelo” (Roma, Galleria d’Arte Moderna), “Gli scolari dell’Alciato”, “Il sacrificio della Vergine del Nilo”  (Roma, Galleria d’Arte Moderna).

     Le “Le critiche molto aspre di alcuni artisti suoi contemporanei, compresa l’agguerrita ostilità del Bertini, allontanarono in buona parte gli acquirenti dai quadri del Faruffini e furono tra le cause maggiori che lo condussero nel precipizio di una profonda crisi depressiva, anche se non mancarono addizionali logorii maturati nell’ambito della sua arte.”

     Questa drammatica crisi gettò il pittore nello sconforto più totale e, con il suicidio a Perugia   nel ’69, l’artista lombardo  pose termine  alla sua ancor giovane età.  Aveva soltanto,  trentasei anni.

Cinque opere del Faruffini:

19 Federico Faruffini - La gonfola di Tiziano

La lettrice, anno 1864, cm. 4,5 x 59, Galleria d’Arte Moderna di Milano

19 Federico Faruffini - Romanza sul Ticino
La gondola di Tiziano (bozzetto), anno 1861, cm. 17 x 32, collezione privata, Milano
20 Federico Faruffini - La lettrice
Romanza sul Ticino, anno (bozzetto) anno 1959, cm. 17 x 32, collezione privata
20 Federico Faruffini - Ponte Sant'Angelo
Ponte Sant’Angelo, anno 1885, cm. 58 x 63, Galleria d’Arte Moderna di Roma
21 Federico Faruffini - Il sacrificio della vergine al Nilo
Il sacrificio della vergine al Nilo, anno 1865, cm.125 x 243.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *