Velazquez, l’adorazione dei magi

Diego Rodriguez de Silva y Velàzquez

L'adorazione dei Magi, Madrid Prado cm. 125
L’adorazione dei Magi, Madrid Prado cm. 125

Sull’opera: L’Adorazione dei Magi, eseguito con tecnica ad olio su tela nel 1619 (dubbio) e misura 203 x 125 cm. Si trova nel Museo del Prado a Madrid.

Sotto i piedi della Madonna, scolpita su pietra si legge la data “1617” o, più concordemente, la data “1619”. Opera ‘familiare’, vale a dire un’opera eseguita essenzialmente con modelli “casalinghi”: se si osservano bene i re si nota una certa somiglianza tra loro perché eseguiti con lo stesso modello (Pacheco, il suocero di Velázquez). Velázquez era solito impiegare il suocero come modello (Ragazza e due popolani, Tre popolani a tavola, Busto d’uomo).

 L’origine dell’opera risulta abbastanza controversa: Mentre il catalogo del Museo del Prado (1920) attesta la provenienza all’Escorial, dove l’opera stessa era in precedenza attribuita a Zurbarán, altri studiosi pensano che sia stata realizzata per il Noviziato di San Luigi dei Gesuiti a Siviglia. Altri identificano il primo possessore come un certo don Francisco de Bruna a Siviglia.

Lo schema compositivo dell’opera è chiaro e semplice, ed in esso si intravedono le influenze di Tristan e di Luis de Vergas. Il cromatismo lascia chiaramente intendere l’abbandono di Velázquez delle varie terre per passare al bitume che in precedenza usava con più parsimonia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *